Sanità, il PD chiede “una conferenza dei sindaci per parlare di pandemia e utilizzo dei fondi PNRR”

4 minuti di lettura

Una riunione urgente e da troppo tempo rinviata dei sindaci del piceno per discutere dell’utilizzo dei fondi del PNRR Salute (case ed ospedali di comunità) e anche della gestione della pandemia. È questa la richiesta che arriva dal segretario provinciale del Partito Democratico Francesco Ameli.

Nelle Marche e nel Piceno sono molti i fondi destinati alla sanità che arriveranno grazie al lavoro dei governi nazionali a guida PD. È su questo tema che deve essere aperta la vera discussione che deve essere all’ordine del giorno della Politica, visto che i fondi del PNRR per il 90% devono essere spesi per riorganizzare il ‘territorioe non sui presidi ospedalieri. Ritengo che in merito ai riparti e all’individuazione degli interventi debba esserci la condivisione totale da parte delle comunità a partire dai Sindaci e con il contributo dei sindacati e delle associazioni di categoria. Non è più rinviabile” sostiene Ameli “una conferenza dei sindaci sulla riorganizzazione dell’offerta sanitaria dell’AV5, che abbia all’ordine del giorno anche la situazione epidemiologica e le problematiche delle carenze e delle indennità del personale degli ospedali di Ascoli e San Benedetto e del territorio (oggetto in queste settimane di molte attenzioni sindacali). Abbiamo un’occasione unica” afferma il segretario dem “quella di ridisegnare la sanità del territorio. Le Case della Comunità e gli Ospedali di Comunità come fulcri del Sistema Sanitario territoriale con caratteristiche e denominazione tali da renderle facilmente ed univocamente identificabili dai cittadini del territorio di riferimento. La Regione non può decidere in autonomia e senza la partecipazione attiva del territorio il futuro dei prossimi anni”.

Non è un caso che alcuni sindaci, esclusi da qualunque dibattito” sottolinea Ameli “abbiano sentito l’esigenza di presentare alla Regione Marche la loro proposta di organizzazione Socio/Sanitaria e di servizi-strutture confacenti e rispondenti ai bisogni delle comunità amministrate. Da un lato penso che tale iniziativa possa essere riproposta anche in altri ambiti sociali a partire da quelli della costa e quello delle aree interne, dall’altro ritengo che debba avere massima condivisione con tutti i sindaci del Piceno. Sono infatti convinto” commenta Ameli “che tutte le decisioni che riguardano le condizioni di vita e i diritti delle persone, che impongono innovazioni, meritano di essere precedute da un grande confronto su proposte elaborate e condivise anche dal basso e che coinvolga le Istituzioni territoriali, chi lavora nei servizi del welfare sociale e sanitario, le organizzazioni sociali e sindacali”.

Nel Piceno” commenta Ameli “la Regione Marche naviga a vista: c’è bisogno di una scossa soprattutto nei confronti di chi tace dinanzi agli accorati e (purtroppo ciclici) appelli dei sanitari, sindacati e cittadini che chiedono che si agisca in soccorso della sanità del piceno.  L’impressione è che la politica regionale, dopo aver soffiato sul vento delle difficoltà, se ne stia lavando le mani e lasci soli i cittadini del cratere come quelli della costa a combattere con i problemi quotidiani. Silenzi che purtroppo stanno diventando assordanti e non nascondono le gravissime responsabilità”.

Bassi salari, alto stress da burocrazia e nei rapporti con colleghi e superiori... però fin da piccolo il mio sogno era insegnare. Ora ci provo, malgrado la politica faccia di tutto per rendermelo impossibile. Intanto scrivo d'attualità e cultura e mi occupo di social.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Cinema splendor

Next Story

Contro il Perugia per continuare a sognare

Ultime da

In principio c’era il Merito Un tempo, nella Lega non più secessionista, c’era Salvini che un

Che passione ragazzi!

Oltre 500 tifosi bianconeri saranno presenti sugli spalti del “Druso” di Bolzano per sostenere la propria