Elezioni politiche e regionali 2013. Gli italiani alle urne. Affluenza al voto a Roma

L’importanza del voto libero

2 minuti di lettura

Giorno di votazione per il rinnovo del Parlamento. Tutto in sedici ore e al termine di una inusitata, breve campagna elettorale in piena estate. Sui contenuti sorvoleremmo, di programmi poco o nulla, di invettive invece a piene mani. Che “vinca il migliore” non ci sembra il caso, meglio “il meno peggio”. 

In molti dicono che non sanno se andranno a votare, come se così facendo la consultazione elettorale non sortisse alcun risultato.  Pessima idea. Qualcuno vincerà lo stesso e lo farà con una percentuale minima rispetto a tutta la popolazione italiana.  

Una riflessione amara che interessa ai politici nella misura in cui serve per spingere al cosiddetto ‘voto utile’. Ma utile per chi e per cosa? 

La politica si è allontanata sempre più dalla gente, dai suoi desideri, dai suoi bisogni non solo immediati, ma di lungo respiro. Dovremmo ricordare, allora, a chi ci richiama alla responsabilità del voto, una consequenziale responsabilità nel gestire la cosa pubblica, con spirito di servizio e mettendo al centro i più fragili. Invece continuiamo ad assistere ad un vergognosa corsa alle poltrone e ad una crescente comparsa di personaggi impreparati, arroganti, capaci solo di lanciarsi accuse senza assumere, loro sì, una seria responsabilità di governo.  

Su questo dovremmo riflettere e chiederci se il nostro non voto contribuirà a rendere il Paese migliore o se lo accompagnerà allo sfascio.  Forse allora il “non so se andrò a votare” non avrà più senso di esistere.

Votare significa democrazia, soprattutto quando non c’è coercizione alcuna. In questi giorni si vota in due paesi diversi: Italia e cosiddette repubbliche secessioniste dell’Ucraina. Credete che sia la stessa cosa?

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Gli oggetti salvati dal sisma diventano opere d’arte

Next Story

Ultime da