Torna al Del Duca una Nazionale, questa volta è l’under 20

2 minuti di lettura

Delicato impegno dei ragazzi di Bollini contro la capolista Germania. Una vittoria segnerebbe il sorpasso azzurro.

Giovedì 24 Marzo (ore 17, diretta su Rai Sport) allo stadio “Cino e Lillo Del Duca”,  la Nazionale italiana under 20 affronterà la Germania a poco più di quattro mesi dal successo sulla Romania, superata con un sonante 7-0, la Nazionale Under 20, incontro valido per il Torneo “8 Nazioni”. L’Italia ha finora giocato cinque partite – il bilancio è di due vittorie, due pareggi e una sconfitta – e attualmente è seconda dietro alla coppia formata da Germania e Romania (la selezione allenata dall’ex portiere di Fiorentina e Roma Bogdan Lobont ha una gara in più), ma dovrà guardarsi le spalle dall’Inghilterra, ancora in attesa di conoscere la data del recupero con la Norvegia che la proietterebbe in testa alla classifica.

Alberto Bollini, allenatore della Nazionale azzurra

La partita è stata presentata, nella sala “De Carolis e Ferri” di Palazzo dell’Arengo, in una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il sindaco Marco Fioravanti, l’assessore allo Sport Nico Stallone, l’assessore allo sport della regione Marche, Giogia Latini, il direttore generale dell’Ascoli Calcio Claudio Tanzi, il capo delegazione Evaristo Beccalossi, il tecnico Alberto Bollini e il calciatore Luca Moro.

L’ingresso per assistere alla partita sarà gratuito previa presentazione di un titolo di accesso, che scaricabile dal sito della FIGC (FIGC.Vivaticket.it) o dal sito di Vivaticket (www.vivaticket.it). Potranno accedere allo stadio gli spettatori in possesso di mascherina FFP2 e Certificazione Verde COVID-19 (Green Pass ‘rafforzato’), che non sarà invece richiesta agli Under 12. Grazie al contributo del Comune di Ascoli e del Settore Giovanile e Scolastico della FIGC, sugli spalti del “Cino e Lillo Del Duca” saranno presenti i bambini di Force, piccolo borgo della provincia colpito duramente dal terremoto del 2016, numerosi studenti delle scuole del territorio e i tesserati e le tesserate di varie società calcistiche delle Marche.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Nonostante la sconfitta l’Ascoli resta attaccato ai play off

Next Story

Quel che rimane di un sogno

Ultime da