Ascoli città della cultura ovvero shish is the word

2 minuti di lettura

Pliz, visit auar biutiful Ascoli“. Nel 2007 l’allora ministro dei Beni culturali e del Turismo Francesco Rutelli fece uno spot sulle bellezze dell’Italia subito diventato noto come “Pliz, visit auar cauntri”. Lo spot in inglese lento, scolastico e maccheronico, è ancora oggi un cult virale e fece il giro del mondo: Rutelli sembra convintamente lanciato in una imitazione tra Benny Hill e Ollio ubriaco.

L’inglese, come è noto, è da sempre uno dei problemi principali nella formazione scolastica e culturale degli italiani. Pare che il nostro sia uno dei paesi in cui si spende moltissimo per l’apprendimento della lingua di Shakespeare ma con scarsissimi risultati: basta ascoltare i nostri conduttori e commentatori televisivi o i nostri politici (menzione speciale della giuria per lo shish di Matteo Renzi) a confronto dei loro colleghi stranieri (con la mirabile eccezione di Virginia Raggi, che salutiamo oggi da sindaca di Roma, e di pochi altri) per rendersene conto.

Dal Ministro dei Beni culturali e del Turismo, scendiamo alla nostra piccola città di Ascoli Piceno, che si candida ad essere Capitale italiana della cultura 2024. Su uno dei pilatri che sorreggono la facciata del Palazzo dell’Arengo, sede del Comune campeggia grande pannello informativo relativo ai servizi dell’Ufficio informazioni turistiche (che ha sede in loco). Vista la vocazione turistica della città, si è giustamente deciso di affiancare le traduzioni inglesi. Il risultato però lascia senza parole o, meglio, di parole i cittadini ascolani (e non solo) ne hanno scritte tante nei vari gruppi Facebook della zona (come qui e qui). Eccone una selezione:

  • They stays outside likes a balcony
  • Giro sul trenino = Round Little Train
  • Tour Urban, cugggggino di Karl Urban immagino……ed è subito The Boys, Furia edition
  • “Informazioni turistiche” non ci hanno neanche provato
  • Official translator: unfamous “liva fritta” brothers&co
  • Nojo vulevam savuar l’indrissss…
  • Tour urban sembra un nome turco
  • ? sarebbe stato più comprensibile se fosse stato scritto in dialetto …?
  • In realtà sono dei detti famosi che su tik tok hanno molto amato
  • C’è anche la guida che ti vende la fonte dei cani

Bassi salari, alto stress da burocrazia e nei rapporti con colleghi e superiori... però fin da piccolo il mio sogno era insegnare. Ora ci provo, malgrado la politica faccia di tutto per rendermelo impossibile. Intanto scrivo d'attualità e cultura e mi occupo di social.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Il baseball ascolano e il sogno americano

Next Story

Ascoli Piceno, ma sarà vera cultura?

Ultime da