Ascoli, Ascolto & Partecipazione: “Fioravanti faccia chiarezza, basta con la caccia alle streghe dei titolari di esercizi commerciali”

2 minuti di lettura

Il comitato civico “Ascolto & Partecipazione”, rappresentato attualmente nel Consiglio comunale di Ascoli Piceno dal suo ex candidato sindaco Emidio Nardini e da Massimo Speri, ha rilasciato una dichiarazione su una recente vicenda di cronaca di cui si è molto parlato (e che abbiamo trattato nella seconda parte di un articolo QUI).

Nell’incresciosa vicenda dei Green Pass fasulli sono stati fino ad ora disposti dalla Magistratura due provvedimenti di misura cautelare a carico di un medico di base e di un presunto intermediario che stanno facendo molto rumore in città. Dalle notizie pubblicate sull’inchiesta dalla stampa locale risultano altresì indagate per falso in concorso con il medico ben 72 persone tra le quali pare che vi siano titolari di pubblici esercizi quali bar e ristoranti. Da ultimo vi è la notizia che molte di queste persone vogliano ora sottoporsi al vaccino, e che l’iter per accedere alla somministrazione si presenta lungo e complesso. Il Comitato Civico ‘Ascolto & Partecipazione’ esorta il Sindaco Marco Fioravanti, che è la massima autorità cittadina in materia di sanità pubblica, a seguire con estrema attenzione le fasi della vicenda giudiziaria in corso e di adottare con il massimo rigore, con la massima tempestività e con la massima trasparenza tutti i provvedimenti restrittivi del caso che rientrano nelle sue competenze soprattutto nei confronti dei titolari di pubblici esercizi coinvolti. Tutto ciò al fine di mettere fine alla ridda di voci e di ipotesi che stanno circolando in questi giorni ed evitare che si prolunghi un pericoloso clima di caccia alle streghe che di certo non giova alla già precaria situazione nella quale si trovano i titolari di imprese commerciali che hanno invece adempiuto regolarmente agli obblighi di legge“.

Bassi salari, alto stress da burocrazia e nei rapporti con colleghi e superiori... però fin da piccolo il mio sogno era insegnare. Ora ci provo, malgrado la politica faccia di tutto per rendermelo impossibile. Intanto scrivo d'attualità e cultura e mi occupo di social.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

21 gennaio 2022

Next Story

Sanità, presidio dei sindacati davanti agli ospedali del Piceno

Ultime da