Ascoli, Giorno della Memoria: “Una città in cui imperversano imbrattatori fascisti”

2 minuti di lettura

Il 27 gennaio di ogni anno viene celebrato in tutto il mondo il Giorno della Memoria, per commemorare le vittime dell’Olocausto. «Una giornata che non ci impone solamente di ricordare i milioni di morti, i lutti e le sofferenze di tante vittime innocenti, tra cui molti italiani, ma ci invita a prevenire e combattere, oggi e nel futuro, ogni germe di razzismo, antisemitismo, discriminazione e intolleranza. A partire dai banchi di scuola» ha ricordato il presidente uscente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio per le celebrazioni del 2022. Ad Ascoli Piceno, il comitato civico Ascolto & Partecipazione ha invece colto l’occasione per indirizzarsi al sindaco:

In un video recente il sindaco Marco Fioravanti, con tono veemente, ha definito ‘una vergogna’ l’aumento delle bollette di luce e gas e che ‘faremo sentire forte e chiara la nostra voce’. Nel ricordare al Sindaco che gli aumenti delle bollette sono dovuti ad uno squilibrio sui mercati internazionali tra la domanda (forte) e l’offerta (insufficiente) a cui si aggiungono le crescenti tensioni geopolitiche tornando ad Ascoli, invece, ci piacerebbe che la parola ‘vergogna’ e il
‘faremo sentire forte e chiara la nostra voce’ fossero rivolti dal Sindaco ai ‘patrioti’ imbrattatori che inneggiano ad Ascoli Patria Nostra con gigantesche scritte a vernice nera con contorno di croci celtiche etc. spuntate di recente soprattutto nel quartiere di Porta Maggiore. La nostra ‘splendida Ascoli’ come ama definirla il Sindaco ambisce a diventare nel 2024 capitale della cultura. Quale? Quella di una città d’arte civile, pulita ed accogliente o quella di una città dove imperversa una banda di pseudo tifosi insozzatori seriali – facilmente identificabili – ispirati dall’ideologia fascista? Sig. Sindaco, faccia sentire, se ne ha il coraggio, la sua voce forte e chiara a questi personaggi urlando nelle loro orecchie – e a più riprese – VERGOGNA!!
“.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

27 gennaio 2022

Next Story

L’Ascoli in Vaticano e Sabiri sull’altalena

Ultime da