Ascoli, i primi passi del fronte anti Fioravanti

3 minuti di lettura

Arriva notizia dei primi passi delle opposizioni per le prossime elezioni amministrative ad Ascoli Piceno. Il 2024 è infatti ormai dietro l’angolo. Ascolto & Partecipazione, gruppo di minoranza con due eletti nel Consiglio comunale, ha incontrato i centristi di Italia Viva, Popolari Ascoli e Azione.

L’intento è quello di avviare, insieme a tutte le forze che non si riconoscono nell’Amministrazione Fioravanti, un’interlocuzione costante su una comune visione di futuro per il territorio. Dalla riunione sono emerse convergenze su obiettivi ed idee, nella prospettiva di un nuovo sviluppo per la città di Ascoli. La prima apertura di dialogo tra il fronte di centro ed i referenti di Ascolto & partecipazione, compagine cittadina che guarda a sinistra ed è rappresentata in Consiglio Comunale da Emidio Nardini, nel ruolo di capogruppo, e Massimo Maria Speri, ha mostrato numerosi punti di contatto.

Un incontro dunque positivo che ha restituito la volontà di guardare al futuro in un’ottica di proficua collaborazione.

A consolidare la volontà di avviare un confronto costante, ha giovato una comune visione sui principi di base per la gestione del territorio. E la consapevolezza che la città di Ascoli abbia le potenzialità per meritare qualcosa di più di quanto le passate gestioni siano riuscite ad offrire.
Da questa contezza deriva la volontà di rendere strutturali tali momenti di confronto. Avviando una discussione concreta su temi importanti per il futuro della città, in un percorso che consterà di momenti di analisi e di proposta. Nella consapevolezza che vi sia necessità di elaborare risposte concrete ai bisogni emergenti sotto i più diversi profili.

Il tutto avverrà cercando ovviamente il coinvolgimento dei cittadini. Cittadini che, a prescindere dal simpatizzare per l’una o per l’altra forza, hanno a cuore il bene del territorio e della comunità. E che spesso, più dei propri rappresentanti politici, sono in grado di elaborare proposte serie e concrete che nascono da quelle necessità che vivono quotidianamente.

Anche sul ruolo attivo dei cittadini, dunque, vi è assoluta convergenza. Così come sui temi legati alla trasparenza nella gestione del potere e sull’equità e le reali pari opportunità che devono necessariamente essere offerte ai membri di una comunità.

Nei prossimi incontri questi principi imprescindibili verranno declinati in temi concreti che vogliamo portare all’attenzione dell’opinione pubblica. Per ricevere, dai cittadini, un contributo che riteniamo prezioso per capire cosa non va, cosa va bene e cosa si può migliorare nella gestione della città.
Il capogruppo di Ascolto & Partecipazione, Emidio Nardini, potrà essere un canale importante per portare tali istanze all’attenzione del Consiglio Comunale e dell’attuale esecutiv”o.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Ascoli, la vera sorpresa del campionato

Next Story

E’ morto Ezio Angelini, una vita per la pallavolo

Ultime da