Ascoli, la vera sorpresa del campionato

2 minuti di lettura

Ai play off l’Ascoli sarà un mina vagante. Chi l’incontrerà dovrà affrontarlo con il massimo rispetto. In questa parte finale del campionato ha dimostrato di essere la compagine che atleticamente sta molto bene”. 

Abbiamo riassunto così i pareri espressi da alcuni ex giocatori ed allenatori bianconeri che conoscono bene il torneo cadetto e l’undici bianconero che più volte hanno visto all’opera. 

Siamo d’accordo anche noi su questa analisi tecnico – tattica, ma bisogna prendere piena coscienza, analizzando le esperienze che si sono verificate in passato, che una volta in campo le cose possono creare nei giocatori degli stimoli imprevedibili che non sempre rispondono alle aspettative. 

L’ultima giornata che verrà giocata al Del Duca venerdì alle 20,30 contro la Ternana darà una risposta su come si comporrà la griglia play off. La speranza è che l’Ascoli batta l’undici di Lucarelli, salendo così a quota 65, mentre il Pisa esca sconfitto dal confronto con il Frosinone. I ciociari hanno assoluto obiettivo di conquistare un punto per mantenere le distanze dal Perugia, ma ai toscani, che salirebbero a quota 65, non andrebbe bene qualora l’Ascoli batta la Ternana raggiungendoli e per gli scontri diretti sarebbe l’Ascoli ad avere il vantaggio di essere esentato dall’incontro eliminatorio.

Un finale che, come è accaduto nelle scorse settimane, potrebbe far registrare risultati a sorpresa come quello che ha visto la Cremonese uscire sconfitta dallo Ezio Scida di Crotone, squadra ormai retrocessa che ha infranto, unitamente all’Ascoli, il sogno promozione diretta dei lombardi. 

Benevento – Spal e Brescia – Reggina sono partite che sulla carta dovrebbero far registrare i successi delle due squadre che giocano in casa contro compagini che non hanno più nulla da chiedere al campionato. Ma, come suol dirsi, la palla è… rotonda e magari può uscire fuori a sorpresa il jolly vincente per l’Ascoli. Che comunque deve intanto battere la Ternana ed aspettare notizie dagli altri campi.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Valentino Bompiani, nato ad Ascoli ma editore nel mondo: la rassegna

Next Story

Ascoli, i primi passi del fronte anti Fioravanti

Ultime da