ln pensione la dirigente dello scientifico Latini: “Lascio una scuola punto di riferimento”

3 minuti di lettura

Ultimo collegio dei docenti per la dirigente dell’Istituto d’istruzione superiore ascolano “Orsini-Licini”, Nadia Latini. Dopo 12 anni la preside lascerà a fine agosto la guida del Liceo Scientifico e di quello Artistico per la pensione. E così questa mattina, venerdì 17 giugno, la dirigente Latini ha salutato, non senza commozione, i docenti e il personale amministrativo della scuola riunito nell’aula magna della sede di via Faleria.

In particolare la dirigente ha ricordato le ultime sfide vissute alla guida del Liceo Scientifico che oggi comprende anche l’artistico Licini.

La foto di gruppo finale

L’Istituto di Istruzione Superiore ‘A. Orsini – O. Licini’ -ha detto Latini- ritengo sia da considerare un importante punto di riferimento culturale per l’intera città e per il più ampio territorio piceno. Il Liceo Artistico è sempre più presente nel contesto locale, regionale e nazionale con i suoi progetti di eccellenza e di efficace partenariato con i vari soggetti esterni. Esso inoltre rappresenta un valido modello per l’accoglienza e l’integrazione di molti studenti disabili che si trovano a vivere serenamente le loro esperienze scolastiche. Il Liceo Scientifico eroga una formazione completa con i suoi tre corsi ordinamentali ministeriali (Scientifico, Opzione Scienze applicate e Indirizzo sportivo) e da quest’anno vede avviato il percorso triennale ministeriale: ‘Biologia con curvatura biomedica‘”.

ll collaboratore prof. Maurizio Calenti consegna un dono degli studenti del Liceo Licini alla dirigente Latini

Per quanto possibile -ha proseguito- ho cercato di adoperarmi, insieme a voi, per promuovere lo sviluppo di una Scuola moderna che sapesse coniugare il rispetto della tradizione umanistico/scientifica e artistica con l’apertura alle nuove e mutate esigenze della realtà contemporanea sempre più tecnologica e carica pure di innumerevoli tensioni, criticità e contraddizioni sul piano socio/economico e culturale. In tal senso, posso ritenermi abbastanza soddisfatta, in rapporto agli obiettivi prefissatimi, per fornire ai giovani una formazione globale che comprendesse l’istruzione, l’educazione e la diffusione di una cultura dei valori e delle responsabilità di tutti e di ognuno, in uno scenario che negli ultimi anni, tra l’altro, è risultato attraversato da gravi, innumerevoli emergenze che hanno imposto una rimodulazione degli interventi sul piano strutturale, organizzativo e formativo“.

Prima di approdare all’Orsini-Licini, Latini ha diretto anche la scuola media ascolana “Luciani” e gli Istituti comprensivi di Folignano e Pagliare.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Piero Celani è il nuovo Presidente dell’Amat

Next Story

Ultime da