Ascoli 2024, anche lo sport è cultura

1 minuto di lettura

Dopo aver svolto per quasi cinquant’anni il ruolo di ambasciatore di Ascoli Piceno in tutta Italia, fino a portare in nazionale un proprio giocatore ai mondiali di Stadford negli Stati Uniti, i dirigenti del Baseball Ascoli hanno pensato bene di sostenere in maniera forte l’enorme possibilità di rilancio economico e culturale del territorio ascolano e del Piceno.

Ascoli candidata a Capitale Italiana della Cultura 2024 è un progetto ambizioso e può e deve essere la scintilla che, oltre alla cultura, riaccende anche l`intero movimento sportivo piceno, spesso diviso da campanilismi a pochi chilometri di distanza. Puntare sullo sport, e soprattutto sui settori giovanili e sullo sport di base, anche per una società di alto livello, significa avere a cuore il proprio territorio e il futuro delle nuove generazioni”. E’ questo lo spirito con cui sosterranno la candidatura e per questo invieranno al sindaco di Ascoli la richiesta per poter utilizzare il logo presso il nuovo campo da baseball nell’area Zannoni e soprattutto sulle loro divise. Ma anche la richiesta che lo sport diventi uno dei punti importanti da sviluppare all’interno del progetto per la candidatura. “Speriamo che molte altre società seguano il nostro esempio“, ha dichiarato Fabio Gricinella, anima del rinato Baseball ascolano.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Ascoli capitale della cultura 2024: il punto sulla candidatura

Next Story

Ascoli Piceno, quale cultura per una capitale della cultura?

Ultime da

Le notti bianche Detto così si potrebbe pensare al racconto di Dostoevski, ma trattandosi di un