Terremoto 2016, Casini (PD): “La mancata proroga della sospensione dei mutui rischia di inficiare gli investimenti del Cis e del PNRR”

2 minuti di lettura


La mancata proroga della sospensione dei mutui nelle aree del cratere rischia di inficiare tutti gli
investimenti del Cis e del PNRR
” ad affermarlo è la consigliera regionale Anna Casini, alla luce della legge di
bilancio approvata dal parlamento e del Decreto milleproroghe assegnato alle Camere. “È inutile dare ossigeno e cibo a un paziente morto” accusa l’esponete dem “è esattamente questo quello che sta succedendo nelle nostre aree interne. I cittadini e le imprese, specie le piccole, che ancora non sono ripartite con le attività a causa della ricostruzione si trovano oggi a pagare rate di mutui che non possono coprire. A questo si aggiunge che, malgrado le mozioni, i solleciti e gli emendamenti presentati dal Commissario Legnini” prosegue Casini “le aziende devono ancora anticipare il 22%di Iva sui lavori di ricostruzione quando la loro aliquota è il 4%“.

Se si vuole davvero aiutare le aree terremotate” sostiene la consigliera regionale “bisogna ascoltare le esigenze di chi tenacemente le abita e non proporre progetti che nulla hanno a che fate con la loro natura e la loro vocazione. Penso alle decine di milioni di euro messi per gli impianti di risalita in zone dove la neve non si vede da anni e solo per la provincia di Macerata. Faccio un appello accorato a tutti i rappresentanti al parlamento delle Marche” conclude la vicecapogruppo del Partito Democratico “a cui ho scritto senza avere risposta, affinché si facciano portavoce delle piccole aziende terremotate e dei cittadini del cratere al fine di bloccare le rare dei mutui altrimenti useremo i soldi dell’Europa solo per i funerali e i cimiteri“.

Bassi salari, alto stress da burocrazia e nei rapporti con colleghi e superiori... però fin da piccolo il mio sogno era insegnare. Ora ci provo, malgrado la politica faccia di tutto per rendermelo impossibile. Intanto scrivo d'attualità e cultura e mi occupo di social.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Terremoto 2016, la ricostruzione è stata troppo lenta per la Corte dei Conti

Next Story

Facce da schiaffi

Ultime da