18 gennaio 2022

3 minuti di lettura

È tempo di svegliarsi, fare un respiro profondo e godere della dolcezza della natura. Con tutto il cuore buongiorno! 

Il sole sorge alle 7,41 e tramonterà alle 16,58.

La mattinata si presenta serena, possibili nubi invece nel pomeriggio. Temperatura che oscillerà tra i 3 gradi del mattino ai 10 gradi a metà giornata.

La chiesa festeggia oggi Santa Margherita d’Ungheria, ma anche Santa Liberata vergine e martire.. Santa Margherita. promessa in voto a Dio dai suoi genitori per la liberazione della patria dai Tartari, fu affidata all’età di quattro anni alle monache dell’Ordine dei Predicatori e da li non uscì più. Fu una delle tre “voci” misteriose che Giovanna d’Arco dirà che l’avevano chiamata a liberare la Francia.

La storia di Liberata, invece, è ridondante di fantasia, mancando cronisti coevi, già dalla nascita, un parto di nove gemelle, e finisce con un martirio. Alla santa è attribuito il potere di allontanare i pensieri tristi, con la capacità di liberare da ogni infermità o afflizione; in altre parole è portatrice di pace e di serenità. Quindi è la Santa che fa per noi,  vista la situazione in cui ci troviamo.

IL Fatto del giorno

Ogni nazione ha la sua pecora nera. Qualcuno ne ha più di una, altri ne hanno così tante da prestarle in giro. In Francia, oltre alla Le Pen, è spuntato un anonimo polemista (così si dice dell’autore di scritti polemici e aggressività di pensiero), tale Eric Zemmour. Zemmour è un giornalista, è di estrema destra e si è candidato all’Eliseo. E fin qui potrebbe anche starci, seppure quell’estrema mi turba, quando però, dopo aver definito i migranti minori non accompagnati “ladri, assassini e stupratori”, se ne esce con il proporre il ritorno del grembiule nelle scuole, la fine dell’insegnamento dell’inglese e l’intenzione di creare istituti separati per gli studenti portatori di handicap, non si può restare indifferenti. La guerra comincia con le spinte, diceva mia nonna, e la storia degli stranieri, dei disabili, dell’autarchia sa di un già visto e come andò a finire è qualcosa che non può farci restare indifferenti. 

Ci sarebbe da domandarsi quale oscuro arcano impedisca al passato ci insegnare a non ripetere gli errori, se non avessimo memoria il piacere in ogni tempo dei nuovi governanti nel rogo dei libri per cancellare la storia.

IL PENSIERO DI OGGI

A coloro che pretendono per sé i riflettori e per gli altri l’abat-jour, è bene ricordare che solo la luce delle stelle brillerà per sempre

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Sabiri verso la Sampdoria di Giampaolo?

Next Story

Ascoli, Amministrazione Fioravanti sfilacciata: scontro Latini-Ferretti per aprire le porte alla Dragoni?

Ultime da