31 gennaio 2022

4 minuti di lettura

“Di qualsiasi umore siate, sorridete sempre… fa bene allo spirito, fa bene al fisico e fa male a chi ci vuole male!”

Il sole sorge alle 7,21 e tramonterà alle 17,17.  Cielo in prevalenza poco nuvoloso, ma con nubi in progressivo aumento e deboli piogge dal pomeriggio. Durante la giornata la temperatura massima registrata sarà di 11°C, la minima di 4°C.

La chiesa festeggia oggi San Giovanni Bosco. Aveva appena nove anni, quando ebbe il sogno che gli indicò la sua strada: in un cortile, in mezzo a un gruppo di ragazzi, vide prima Gesù e poi la Madonna, attorniata da bestie feroci poi trasformate in agnelli. Da quel momento Giovanni divenne per i suoi coetanei un apostolo in grado di affascinarli con il gioco e la gioiosa compagnia, ma anche di farli crescere nella fede con la preghiera.  Ordinato sacerdote, dedicò tutte le sue forze all’educazione degli adolescenti, fondando la Società Salesiana e, con la collaborazione di santa Maria Domenica Mazzarello, l’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, per la formazione della gioventù al lavoro e alla vita cristiana. È il Patrono degli educatori,  dei Giovani e degli Studenti. Ma anche degli Editori che, poveretti, hanno bsogno di chi li protegga dagli scrittori, che non fanno che pretendere, e dai lettori che, in realtà, non leggono.

IL FATTO DI IERI

Dovevano essere i giorni della merla, invece sono stati i giorni del merlo. Non credo che il merlo sia appetibile, ma fossi in Salvini comincerei a preoccuparmi di poter finire allo spiedo.

Giorgetti ha minacciato di dimettersi, Zaia ha storto il naso e Fredriga ha detto e non detto nel classico politichese. Come li chiamereste voi questi atteggiamenti?

Politichese come quando hanno sentenziato che era il momento di un Presidente della Repubblica donna e giù nomi di alto profilo: Belloni, Cartabia, Severino… Mbè, alto va bene, ma troppo mi sembra esagerato. E poi, salviamo anche l’immagine! Che ve ne pare della Casellati? Vuoi mettere una che per intero fa Maria Elisabetta Alberti Casellati? Sembra di stare ancora ai tempi della monarchia. 

Tutto si può dire di Salvini meno che non abbia coraggio di esporsi. Poi farà cazzate, ma quello è un altro discorso. In fondo se era riuscito a Renzi perché non poteva riuscire anche a lui?Appunto perché? Ha spaccato il centro-destra, ha fatto litigare i 5stelle, che già litigavano di loro, ed ha scontentato Draghi che al Colle ci voleva andare. Una specie di re Mida, che però non ha trasformato nulla in oro. Non ci resta che aspettare questa sera per vedere i sondaggi di Mentana. Se PD e FdI cresceranno e FI e Lega perderanno consensi, il capolavoro sarà completo… E i 5stelle? Una entità liquida che va disperdendosi in mille rivoli.  

E adessso occhio a Sanremo, finito un teatrino ne comincia subito un altro L’italiano non merita nemmeno un minuto per pensare ai propri guai.

IL PENSIERO DI OGGI 

“Mio padre diceva che non serve molto la richezza che portiamo nelle tasche se abbiamo la povertà nel cuore”.

Non sono riuscito a trovare un lavoro serio, così ho fatto il giornalista

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Che futuro per il giornalismo? Il nostro dossier con le opinioni dei giovani

Next Story

L’uomo della provvidenza(3)

Ultime da