Un Ascoli svagato regala i tre punti al Vicenza

3 minuti di lettura

Un Ascoli svagato, specialmente in difesa, è stato sconfitto dal Vicenza, compagine alla ricerca di tre punti fondamentali per sperare di continuare a lottare per la salvezza. Si é avuta, sin dalle prime battute di gioco, che l’Ascoli vero non fosse quello sceso in campo ma che si trattasse di una imitazione tanto giocava male, sprecava palle goal e offriva agli avversari la possibilità di andare a rete grazie a pacchiani errori di disimpegno e scarsa copertura difensiva da parte dei centrocampisti. Insomma, un Ascoli piuttosto brutto che però fino all’85mo di gioco si stava guadagnando la sua onesta pagnotta sotto forma di un punto che, visti poi i risultati delle squadre in lotta per i play off, sarebbe stato oro.

D’accordo, è normale che si incappi in una partita storta ma la cosa che ha dato fastidio è stata la superficialità di alcuni giocatori che sono sembrati poco concentrati all’impegno. A anche Sottil ha commesso lo stesso errore non catechizzando i suoi a sviluppare le manovre sulla fascia sinistra dove agiva Bidaoui che nell’uno contro uno ha dato sistematicamente grosse preoccupazioni alla retroguardia biancorossa. Il tecnico non ha saputo leggere la partita ed ha portato a casa un’inattesa sconfitta della sua squadra. Non ne facciamo un dramma sperando che situazioni similari non abbiano a ripetersi in futuro.

Le pagelle

Leali 6,5: ha parato un rigore ed ha effettuato un paio di interventi difficili. Per i due goal subiti va assolto.

Baschirotto 7: l’unico difensore che ha confermato di aver interpretato la partita come si doveva.

Quaranta 4,5: svagato, sempre in ritardo negli interventi. Prestazione da dimenticare.

Bellusci 5: ha sorpreso per i numerosi errori commessi. Non era in giornata.

Salvi 5,5: si è limitato a compiere, maluccio invero, il compito assegnatogli.

Caligara 5: il ragazzo non palesa progressi tecno – tattici di conseguenza colleziona prestazioni scadenti.

Buchel 5: nelle ultime tre partite era stato il “faro” del gioco. A Vicenza ha… steccato.

Collocolo 5: ha badato più a protestare che a giocare. Si deve controllare e pensare alla partita.

Maistro  5: tanto fumo ma poco arrosto. Giustamente sostituito.

Biadaoui 6,5: è un… incompreso. Allenatore ed alcuni compagni non hanno ancora capito che solo lui può essere il “grimaldello” che apre le difese avversarie.

Dionisi 6: si è mangiato due clamorose palle goal: se sfruttate l’esito del confronto sarebbe stato decisamente diverso.

Ricci, Iliev, Eramo e Paganini ng: sono entrati ma nessuno di loro è riuscito a cambiare l’inerzia della partita.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Buon compleanno Carletto!

Next Story

“Dirty Waste”, sono cambiati i suonatori, ma la musica è sempre la stessa.

Ultime da