Libri clandestini: sparito il giorno delle nozze

3 minuti di lettura

La scuderia di autori della Sellerio si è arricchita di un altro purosangue. Si tratta di Roberto Alajmo. Tanto per non cambiare si tratta di un giovane siciliano che scrive gialli. Come anche altri autori preferisce spesso che il racconto sfumi nel comico e le trame, molto serrate, sono spesso in funzione di risvolti umoristici. Siamo insomma sul terreno preferito dai vari Savatteri e Piazzese. Il protagonista, Giovanni Di Dio, ha una speciale caratteristica, quella dell’immobilità, della pigrizia e soprattutto un’incapacità totale a capire quello che gli accade intorno. Ma alla fine anche lui deve risolvere il giallo in cui è piombato e ci riesce grazie al fatto che a lui le soluzioni sembra vadano a cercarlo come amaramente commenterà uno dei personaggi, il temibile Zzu, capo indiscusso della frazione di Palermo in cui abita la famiglia Di Dio.

Insomma un personaggio molto complesso e tutto sommato che suscita empatia quando riesce a ficcarsi a letto aspettando che tutti i nodi si sciolgano. Il libro che è facile trovare ora, La strategia dell’opossum illustra bene la sua rinuncia a mettersi a risolvere enigmi. Ma forse la vera protagonista è la madre Antonietta che governa con mano di ferro una famiglia molto allargata composta in gran parte da donne e che spinge Giovanni, in un’ottica siciliana, a comportarsi da uomo. Stavolta ad esempio l’occasione narrativa è la scomparsa dell’uomo che avrebbe dovuto sposare la sorella e che sparisce misteriosamente invece di presentarsi in chiesa.

Si tratta del secondo libro con questo personaggio e mi spiace non aver trovato il primo anche per i numerosi rimandi che si trovano nel testo de La strategia dell’opossum. Quello che mi colpisce più di tutto, al di là del valore del libro, è la straordinaria capacità della Sellerio di scovare e lanciare giovani autori. In un panorama editoriale consolidato, in cui le novità sono legate a libri scritti (sempre più spesso in coabitazione) da questo o quel personaggio della tv, la ricerca della Sellerio di nuovi autori è quasi rivoluzionaria. 

La speranza quindi è di ritrovare presto Giovanni (che si mestiere fa il metronotte anche se trascorre gran parte dell’orario di lavoro a dormire nella sua Panda) in un’altra divertentissima avventura.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Ascoli-arbitri, un amore mai sbocciato: le ragioni

Next Story

Quando gli arbitri fanno del loro peggio: storie di torti all’ombra dell’imparzialità

Ultime da

In principio c’era il Merito Un tempo, nella Lega non più secessionista, c’era Salvini che un

Che passione ragazzi!

Oltre 500 tifosi bianconeri saranno presenti sugli spalti del “Druso” di Bolzano per sostenere la propria