Franko-B: il mondo delle performance ad Ascoli Piceno

3 minuti di lettura

Cosa ci fa uno dei più grandi performer della scena dell’arte contemporanea mondiale ad Ascoli Piceno?
Nessuno lo ha notato, nessuno si è accorto che uno dei più grandi maestri dell’arte contemporanea passeggiava in questi giorni nel capoluogo piceno. Ma perché? Con quale scopo?

Franko B

Innanzi tutto chi è Franko-B.

Franko-B è una delle ultime anime punk ancora viventi, un performer estremo delle scene dei club londinesi. Un’artista che ha fatto del proprio corpo e della propria anima un viaggio esperienziale. 
Franko B è un artista performativo italiano con sede a Londra, dove vive dal 1979. Ha studiato belle arti al Camberwell College of Arts (1986–87), al Chelsea College of Art (1987–90) e alla Byam Shaw School of Art (1990–91).
Il suo lavoro era originariamente basato sulla violazione sanguinosa e ritualizzata del proprio corpo. Successivamente ha abbracciato un’ampia varietà di media tra cui video, fotografia, pittura, installazione e scultura.
Si è esibito all’ICA, Londra nel 1996 e 2008, alla South London Gallery nel 1999 e 2004,  al Center of Attention nel 2000, alla Tate Modern nel 2002, alla Ikon Gallery, Birmingham nel 2005, Arnolfini, Bristol nel 2007, The Bluecoat Centre, Liverpool nel 2008, CENDEAC, Murcia, Spagna nel 2007 e The Crawford Art Gallery a Cork, Irlanda nel 2005.
Ha esposto opere a livello internazionale a Zagabria, Città del Messico, Milano, Amsterdam, Anversa, Copenaghen, Madrid , Vienna, Bruxelles, Varsavia, Dublino e Siena.
Viene considerato uno delle guide performative a livello mondiale.

Dal 2017 è docente presso l’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino alla cattedra di Scultura.
E proprio con questa ultima mission è finito ad Ascoli con le classi di scultura dell’Accademia di Torino per un percorso formativo/esperienziale di una settimana con i suoi studenti nei boschi sopra a Rosara, invitato nella cava di Alessandro Virgulti, suo ex studente.

Una delle performance
Studenti dell’Accademia di Torino

Questa occasione ha buttato le basi per un possibile rapporto con la nostra città marchigiana attraverso la Frida Art Academy.
Il direttore della Frida Art Academy Zeno Rossi non rilascia molte informazioni anche se ci fornisce le foto dell’evento tenuto a Rosara e ci fa capire che si sta lavorando a qualcosa.
I ragazzi parlano della possibilità di un nuovo grande corso in accademia, ma non ci sono conferme.
Resta il fatto che Ascoli in qualche modo sta un po’ alla volta, forse, cambiando volto.

Zeno Rossi, PelleOssa e Franko-B

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

La legge Bosman e le fregature per il calcio

Next Story

Io do un allenatore a te e tu dai due giocatori a me

Ultime da