1 febbraio 2022

4 minuti di lettura

“Buongiorno a chi trova sempre il tempo per dedicarmi un saluto ed un sorriso”

Il sole sorge alle 7,20 e tramonterà alle 17,18. Condizioni di cielo poco nuvoloso. In particolare avremo bel tempo al mattino, cielo poco nuvoloso al pomeriggio, assenza di nubi alla sera. Durante la giornata si registrerà una temperatura massima di 10°C alle ore 14, mentre la minima alle ore 23 sarà di 3°C. 

La chiesa festeggia oggi Santa Verdiana, ma anche Santo Trifone e Santa Brigida, oltre a ben 16  tra altri santi e beati parcheggiati il 1° febbraio. Santa Verdiana dopo un pellegrinaggio a Santiago di Compostella si fece costruire una cella in riva al fiume Elsa vicino ad un oratorio dedicato a S.Antonio e vi si rinchiuse. Santa Brigida, irlandese, per molti aspetti appartiene a quel genere di figure senza dubbio storicamente esistite, ma la cui vita è stata tramandata in forme che miravano esclusivamente ad aumentarne la fama piuttosto che a ricordarne gli atti. Infine San Trifone è stato un martire diciottenne dell’Ellesponto. Autore in vita e da morto di numerosi miracoli, e forse per questo il suo corpo è disperso in varie località italiane e del Cattaro: tutti hanno voluto conservarne un pezzo, non si sa mai.

IL FATTO DI IERI

Ascoli è tra le dieci finaliste per diventare “Capitale della Cultura 2024”! Per tutti, giornali, cartacei e on line, radio e televisioni locali, è stata la notizia di apertura. Quindi adesso, dopo quasi ventiquattr’ore, non lo è più. Almeno secondo le regole giornalistiche. Ricordate l’esempio? Se il cane morde un uomo, ci insegnavano, non fa notizia, ma se l’uomo morde il cane sì.

Come possiamo ribaltarla allora e renderla diversa? Non è facile pensando che per arrivare a questo risultato, e di strada ne manca ancora molta, erano in trepidazioni in tanti, anche i più riottosi che, seppure in apparenza avevano solo parole critiche, sotto sotto incrociavano le dita e speravano. Si chiama campanilismo, e in questo siamo campioni.

Ricordo che un tal Tremonti, un giorno se ne uscì con una frase che credo lo tormenti ancora, come Snoopy, ritto sulla testata del letto, tormentava in silenzio Charlie Brown dopo l’ennesima partita persa: “con la cultura non si mangia”. Ebbene, partiamo da quella stupida frase e vediamo di capire perché oggi “con la cultura si dovrebbe mangiare”. 

Guardando il nostro paese, la sua conformazione, le sue bellezze naturali (mari e monti), le infinite città d’arte e di storia, non possiamo non dire che questa sia la nostra ricchezza, un patrimonio unico, irripetibile ed esclusivo. Paese agricolo, artigiano e artistico, ecco la nostra realtà che se valorizzato a dovere significa anche e soprattutto occupazione e i giovani, che questo l’hanno capito, ci stanno provando da tempo. Ma per anni abbiamo ricorso la folle industrializzazione che ci ha sfruttati finché ha potuto per poi scappare come ladri (è la parola giusta) verso altri lidi da sfruttare e lasciare anche quelli in braghe di tela. 

L’uomo ha morso il cane.

IL PENSIERO DI OGGI 

“I miracoli iniziano ad accadere quando cominciamo a dare ai nostri sogni la stessa energia che diamo alle nostre paure”.

Non sono riuscito a trovare un lavoro serio, così ho fatto il giornalista

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Chiuso il calciomercato, l’Ascoli si è rinforzata

Next Story

Ascoli, il Pd vota contro il bilancio di previsione della Ciip

Ultime da