villa pigna
villa pigna

Villa Pigna verso un nuovo polo scolastico, svelato il progetto

2 minuti di lettura

Un nuovo plesso scolastico a Villa Pigna. Pubblicata la graduatoria inerente il concorso di progettazione per la realizzazione della struttura. In totale sono state 26 le proposte arrivate da tutta Europa e 5 quelle ammesse all’ultima fase: la commissione giudicatrice si è poi riunita ed ha formulato la griglia finale. Al primo posto il Raggruppamento Temporaneo fra Professionisti (RTP) con capogruppo l’ingegner Valentino Gaudio e l’architetto Orlando Sica (Salerno) come autore del progetto.

Al secondo posto RTP da costituirsi con capogruppo Tiarstudio srl (Firenze). In terza posizione RTP da costituirsi con capogruppo l’architetto Giuseppe Diana (Caserta), in quarta RTP da costituirsi con capogruppo Officine18 (Cagliari). Menzione speciale per gli architetti Andrea Sforzin (Venezia) e Fabrizio Giannacchi (Genova).

La proposta progettuale emerge per le sue qualità architettoniche, individuando le funzioni
scolastiche in due diverse strutture fortemente riconoscibili e identitarie. L’organizzazione dei
volumi nel lotto si presenta chiara e di impatto. Risulta così la capacità del progetto di essere
socialmente inclusivo per creare nuovi spazi aggregativi anche al di fuori dell’attività didattica.
L’idea progettuale del polo scolastico è ben sviluppata, capace di rispondere alla primaria esigenza
scolastica, ponendo attenzione all’integrazione nel contesto socio urbanistico
», si legge nella
motivazione della commissione che ha decretato il progetto vincitore.

La zona scelta per il polo scolastico sarà a Villa Pigna, nel lotto dove sono già presenti la scuola
elementare e la scuola materna, che verrà demolita per dare posto al nuovo volume. I lavori per la realizzazione del nuovo polo scolastico, inizieranno nel 2023 e termineranno a fine 2024.

Questo il nuovo polo scolastico che sarà realizzato a Villa Pigna.

I fondi sono stati messi a disposizione dall’ordinanza 56 del commissario straordinario alla ricostruzione
dei territori colpiti dal sisma 2016.

Grande entusiasmo da parte del primo cittadino, Matteo Terrani, Siamo molto soddisfatti. Sono arrivate numerose proposte e tutte di grande livello. Sarà una struttura all’avanguardia, moderna e antisismica. Recupereremo poi gli spazi dell’attuale scuola media e li restituiremo alla comunità per attività culturali e sociali. Ringrazio la commissione per la professionalità dimostrata e gli uffici per il lavoro svolto a supporto».  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Ascoli le prova tutte per vincere

Next Story

Ascoli, a Lecce a viso aperto

Ultime da

In principio c’era il Merito Un tempo, nella Lega non più secessionista, c’era Salvini che un

Che passione ragazzi!

Oltre 500 tifosi bianconeri saranno presenti sugli spalti del “Druso” di Bolzano per sostenere la propria