Ascoli, a Lecce a viso aperto

3 minuti di lettura

Frastornati ancora dal match contro il Crotone, riacciuffato per i capelli, l’Ascoli si appresta ad affrontare la difficile trasferta di Lecce. 

Contro i calabresi sono venuti i tre punti, ma quanta sofferenza! Per 85’ buoni Leali e compagni hanno visto le streghe non riuscendo ad imbastire una sola azione offensiva ed ad arginare le offensive crotonesi che erano passati in vantaggio con Kone e continuava ad attaccare.

Si faceva molta fatica a distinguere la squadra che occupava il penultimo posto in classifica da quella che invece veleggia nella zona “nobile” animata dall’ambizione di potersi giocare ai play off la terza promozione in serie “A”. Poi è successo quello che non ti aspetti: i peggiori in campo ritrovano il guizzo giusto, si ricordano il blasone e mettono a segno un uno-due che significa vittoria. 

Miracolo? Forse, se in Padreterno non avesse altro a cui pensare. Prima Falasco indovina l’angolino basso alla sinistra di Festa, poi Maistro si procura un rigore che trasforma, seppure in due tempi. A questo punto la salvezza è quasi certa, quindi si potrebbe, volendo, pensare a divertirsi fino all’ultima di campionato con l’intento di inseguire l’obiettivo play off, che coronerebbe una stagione infiorata da grosse soddisfazioni.  

Ci sarebbe da parlare dell’arbitro, salvato dal Var, ma finirei con il ripetermi, segno che o sono diventato polemico (e questo può starci ad una certa età) o ho ragione nel sostenere che la classe arbitrale, dopo lustri di grandi professionisti del fischietto, oggi è molto scadente, a cui aggiunge una stridente nota di presunzione e arroganza.

Sono 24 i giocatori bianconeri che dopo l’allenamento di rifinitura sono saliti sul torpedone diretto nel Salento dove nel turno del mercoledì, con inizio alle 18,30, affronteranno la capolista Lecce. 

Portieri: Leali, Bolletta, Guarna.

Difensori: Baschirotto, Salvi, Botteghin, Bellusci, D’Orazio, Tavcar, Falasco, Quaranta.

Centrocampisti: Buchel, Collocolo, Caligara, Eramo, Maistro, Paganini, Saric.

Attaccanti: Bidaoui, Dionisi, De Paoli, Iliev, Ricci, Tsdajout.

L’Ascoli ha ben sei giocatori in diffida: Bidaoui, Botteghin, Collocolo, D’Orazio, Iliev. Tsdajout. Quindi, al prossimo giallo scatterà la squalifica.

Per quanto riguarda la probabile formazione che scenderà in campo  il reparto difensivo dovrebbe schierarsi con  Leali in porta, Salvi e Falasco terzini, centrali Bellusci e Botteghin.

Centrocampo con Buchel, Caligara, Maistro e Ricci mentre in attacco con ogni probabilità giocheranno Dionisi e Bidaoui. Ma Sottil dovrà tener conto delle condizioni atletiche di alcuni giocatori che ultimamente sono scesi con una certa frequenza in campo.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Villa Pigna verso un nuovo polo scolastico, svelato il progetto

Next Story

Tra Ascoli e Lecce c’è un… Abisso di troppo

Ultime da