Un pareggio che sa di beffa

3 minuti di lettura

Difficile “digerire” il risultato finale della partita Ascoli – Frosinone, terminata 1 a 1, dominata in lungo e largo dalla compagine di casa che, oltre al goal, bellissimo, di Bidaoui, ha colpito due legni con Maistro e fallito due clamorose occasioni da goal mentre per quanto riguarda la parte avversa non si è registrato alcun tiro in porta se non se non quello, senza alcuna pretesa, da parte di Roden che ha avuto la grande fortuna di trovare la deviazione di Buchel che ha messo fuori causa Leale. D’accordo, c’è stata tanta sfortuna ma ancora una volta l’Ascoli ha fallito al Del Duca l’obiettivo vittoria. La squadra di Sottil si esprime meglio in trasferta dove può giocare di rimessa mentre in casa, dove deve prendersi la responsabilità di impostare il gioco, non riesce a dare concretezza alle sue manovre. Un “peccato” al quale Sottil non è riuscito a trovare valida soluzione per cui ormai il tempo è… scaduto. E dire che contro il Frosinone c’era tutti i presupposti per conquistare l’intera posta in palio ma anche questa volta, sfortuna a parte, alcune cose tecnico – tattiche non sono andate per il verso giusto. Speriamo che i bianconeri si rifacciano sabato prossimo a Ferrara Anche perché la sconfitta interna della partita d’andata ancora brucia.

Leali ng : come si fa a giudicare un portiere che per 94 minuti è risultato inattivo?

Baschirotto 6 : discreta prestazione con la sola macchia di aver fallito il goal del raddoppio a portata praticamente vuota.

Falasco 6 : nella sua zona di competenza nessun problema.

Botteghin 6 : ha presidiato l’area di rigore con autorevolòezza.

Bellusci 6 : non ha concesso nulla al temuto Ciano.

Buchel 6 : sfortunato sulla deviazione che ha ingannato il compagno Leali. 

Caligara 5 : un’altra prestazione deludente tanto da meritare nella ripresa la sostituzione.

Paganini 5,5 : anche lui è risultato inconsistente.

Maistro 6,5 : gli assegniamo l’Oscar della sfortuna per i due legni che ha colpito.

Bidaoui 6,5 : ha realizzato un goal molto bello ed è stato nel primo trempo una spina nel fianco della difesa ciociara. Nel secondo tempo inspiegabilmente dalle sue parti sono arrivati solo quattro palloni.

Tsadjout 5 : sempre fuori tempo, mai che sia stato propositivo per l’azione offensiva.

 Collocolo 6 : entrato nella ripresa ha agito con diligenza in fase di filtro.

Saric 6 :  né bene né male. Da lui, comunque ci si attende molto di più.

 Iliev – Eramo – Ricci ng                   

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Paura per gli operatori della Xentek in Ucraina: il racconto dell’ascolano Simone Traini appena rientrato in Italia

Next Story

Libri clandestini – I dodici orologi che raccontano il mondo

Ultime da