Il passo incerto del calcio ascolano

3 minuti di lettura

Non è un momento particolarmente felice per le squadre ascolane che partecipano ai veri campionati riservati ai dilettanti. Partiamo dalla serie “D” in cui militano il Porto d’Ascoli e la Sambenedettese. Solo la prima merita di essere citata quale compagine rivelazione del girone “F”. Pur essendo una matricola, il Porto, che non dimentichiamo lo scorso anno militava nell’Eccellenza, sta lottando nientemeno per entrare nella griglia, che comprende le quattro squadre meglio classificate, dopo la prima che sale direttamente in serie “C”, che giocherà i play off per arrivare ad una virtuale promozione. Perché virtuale? Se si dovessero liberare dei posti nel campionato di serie “C” per fallimento o ritiro  di qualche club allora la Lega stilerebbe una graduatoria, sulla base dei risultati dei play off,  che assegnerebbe, sulla base dei posti che si sono liberati, alle società che hanno maturato il diritto ad essere promosse. Il Porto, qualora dovesse vincere il recupero contro l’Alto Casertano, ultimo in classifica con 4 punti in 24 partite, verrebbe a trovarsi in piena zona play off quando mancano nove partite al termine del campionato. Sogno che insegue anche la Samb, ben posizionata in classifica ma dovrà vedersela con altre pretendenti, la cui dirigenza vorrebbe risalire  al più presto in serie “C”. Come detto, la situazione è legata ad eventi extra calcistici.

Atletico Ascoli

L’Atletico Ascoli  per il terzo anno consecutivo insegue la promozione in serie “D”. Attualmente dista una sola lunghezza dal quinto posto, utile per partecipare ai play off. Nico Stallone, assessore al sport del comune di Ascoli, ha accettato la sfida di salvare il Grottammare dalla retrocessione. Attualmente occupa il penultimo posto in classifica distanziato di sette punti dal Biagio Nazzaro che tra l’altro deve recuperare una partita. Se dovesse riuscire nell’impresa, parleremmo di miracolo a Grottammare.

In promozione il Monticelli dovrebbe farcela a raggiungere la salvezza vantando 13 punti di vantaggio nei confronti di Montecosaro, penultimo, e 15 sul Centobuchi, ultimo.

Nel girone “D” del campionato di prima categoria, non c’è stata mai storia in quanto il Comunanza lo ha… ipnotizzato. A nove giornate dal termine la squadra vanta ben 13  punti nei confronti della seconda. Orsini Monticelli naviga a metà classifica e non corre il rischio della retrocessione. Posizione molto scomoda dell’Offida, attualmente in zona play out. 

Pro Calcio Ascoli

Strapotere del Comunanza nel girone “H” di seconda categoria con dodici lunghezze di vantaggio sulla sorprendente Piazza Immacolata. Benino Piceno United, Maltignano e Spinetoli, così così Pro Calcio, Pagliare e Vigor Folignano, male Acquasanta, Jrvs Ascoli e Porta Romana, invischiate tutte e tre nella lotta per non retrocedere in terza categoria.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Terremoto, per Castelli non basta la flat tax per combattere lo spopolamento del Cratere

Next Story

Terremoto, il film “La Ballata Dei Gusci Infranti” verrà presentato anche ad Ascoli

Ultime da