Pd: “Ora il Piceno si candidi per ospitare Amazon dopo l’abbandono di Jesi”

3 minuti di lettura

Parla il segretario provinciale del Partito Democratico Francesco Ameli:

“L’abbandono dell’interporto di Jesi come luogo di realizzazione di uno stabilimento Amazon, è una sconfitta della politica regionale, ma allo stesso tempo può rappresentare una grande opportunità per il Piceno: penso che il nostro territorio, a partire dagli agglomerati industriali del Piceno Consind Monsampolo/Monteprandone ed Ascoli abbia le caratteristiche per potersi candidare per ospitare la multinazionale Amazon. Sono molti gli ettari di terreno che possono essere offerti all’impresa. Sarebbe un’opportunità unica che porterebbe addirittura migliaia di assunzioni.
Abbiamo un’uscita autostradale e un raccordo autostradale ad essa collegato, un collegamento ferroviario che serve tutta la zona industriale, una pista di atterraggio aerei con tanto di società partecipata ed un porto importante come quello di San Benedetto del Tronto.
Penso che un’opportunità come quella di Amazon nelle Marche non possa essere lasciata sfuggire, a prescindere dalla localizzazione. Proprio per questo penso che questa sia l’occasione per rimettere il polo logistico del sud della regione, sul tavolo delle trattative. Inutile dire che in una situazione di spopolamento dovuta al sisma, l’opportunità di avere migliaia di posti di lavoro varrebbe oro.
Il Piceno deve tornare ad avere coraggio di innovare la sua funzione strategica territoriale: terra di startup, di materie plastiche, prodotti farmaceutici, materiali compositi e finalmente anche polo logistico innovativo. Potremmo diventare così davvero una smart land attrattiva grazie anche alle opportunità che vengono messe in campo dall’area di crisi industriale, i fondi contro la deindustrializzazione per le aree ex casmez ed il Pnrr complementare sisma che vede linee di finanziamento sui contratti di sviluppo ed innovazione.
In prospettiva anche per i collegamenti interni in questi anni sono stati investiti fondi importanti sulla salaria ed è nella programmazione regionale da molti anni la Mezzina di collegamento tra Teramo ed il fermano, in attesa che la regione sblocchi dopo anni le procedure sulla terza corsia.
Purtroppo la Regione ha rinunciato al ruolo di coordinamento territoriale, a tal riguardo ho già avuto modo di sentire i nostri referenti istituzionali a partire dal consigliere regionale Anna Casini ed il Presidente Sergio Loggi, ed ho registrato massima disponibilità da parte dei due massimi esponenti per indurre e coordinare una riunione tra sindaci, imprese, Piceno Consind e parti sociali per valutarne la fattibilità e comunque per rilanciare l’idea del polo logistico del sud delle Marche”.

Bassi salari, alto stress da burocrazia e nei rapporti con colleghi e superiori... però fin da piccolo il mio sogno era insegnare. Ora ci provo, malgrado la politica faccia di tutto per rendermelo impossibile. Intanto scrivo d'attualità e cultura e mi occupo di social.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Manifestazioni in centro, si sposta il mercato settimanale

Next Story

Musica, esce l’album firmato dal “Gianluca Sulli Group”

Ultime da

Le notti bianche Detto così si potrebbe pensare al racconto di Dostoevski, ma trattandosi di un