Chi va e chi viene, come cambia la Giunta regionale

3 minuti di lettura

Per un assessore che va, c’è un assessore che viene. Cambio della guardia a Palazzo Raffaello, con la nomina dei nuovi assessori che prenderanno il posto dei tre eletti in Parlamento, Giorgia Latini, Guido Castelli e Mirco Carloni.

Le deleghe che deteneva Giorgia Latini ( cultura, pari opportunità, istruzione, partecipazione e volontariato, politiche giovanili, musei e sport) saranno ripartite tra i tre nuovi assessori. La fabrianese Chiara Biondi, si occuperà di pari opportunità, cultura, sport ed istruzione.

“Sono davvero onorata di poter servire la mia Regione, e come sempre ho fatto, mi impegnerò con determinazione in questo ruolo importante” ha scritto sui suoi profili social.

Chiara Biondi

Per le deleghe al bilancio e ai trasporti pubblici detenute da Guido Castelli, passaggio di testimone a Goffredo Brandoni, ex sindaco di Falconara e attuale membro del Consiglio di Amministrazione di Ancona International Airport. Nome emerso pochi giorni fa, dopo la gaffe di Carlo Ciccioli durante il consiglio regionale e riguardante le vittime dell’alluvione, che gli è costato il posto da nuovo assessore.

Goffredo Bandoni

Nome dato quasi subito per certo, quello dell’ascolano Andrea Maria Antonini. A lui spetteranno invece le deleghe dedicate allo sviluppo economico, alla digitalizzazione, al commercio, all’industria e all’agricoltura che prima erano nelle mani di Mirco Carloni.

” Ho ereditato deleghe importanti ed impegnative, sento addosso un forte senso di responsabilità ma al tempo stesso sono certo che con la determinazione che non mi manca, saprò servire il territorio con la giusta competenza e avendo chiari gli obiettivi” ha scritto Antonini.

Andrea Antonini

Un risultato che soddisfa il commissario regionale della Lega, Riccardo Augusto Marchetti:

“La decisione è stata presa dopo un lungo confronto con il segretario federale Matteo Salvini, nella Lega Marche ci sono donne e uomini di grande esperienza, ciascuno con competenze tecniche specifiche e fondamentali. Abbiamo fatto una scelta che valorizzi sì le competenze, tenendo anche conto anche del giudizio degli elettori, dato che Antonini e Biondi sono risultati i più votati nelle rispettive province alle elezioni regionali del 2020″.

L’assessore alla sanità Filippo Saltamartini invece, è stato nominato Vicepresidente della Regione Marche, al posto di Carloni.

Per quanto riguarda il turismo, Acquaroli ha annunciato di “dover portare a termine il lavoro intrapreso in questi anni” per cui il governatore assumerà anche questa delega.

Ancora mistero sulla nuova figura di sottosegretario che darà supporto alla nuova giunta e che andrà ad affiancare il presidente : sempre secondo alcuni rumors, ci sarebbe l’attuale vicesindaco di Ascoli, Gianni Silvestri pronto a varcare la porta di Palazzo Raffaello ereditando così alcune deleghe di Acquaroli.

Per quanto riguarda il Consiglio Regionale, entrano l’ascolana Monica Acciarri per la Provincia di Ascoli e Lindita Elezi per Ancona.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Altroché “scarpare”, Mimì era un mago!

Next Story

coppa Italia, l’Ascoli a Genova contro la Sampdoria

Ultime da