coppa Italia, l’Ascoli a Genova contro la Sampdoria

2 minuti di lettura

Giovedì di Coppa. Per i sedicesimi l’Ascoli sarà ospite della Sampdoria, in un confronto che sulla carta appare proibitivo ma, vuoi per l’attuale situazione dei blucerchiati e vuoi per l’imprevedibilità dei bianconeri in trasferta, nulla si può dare per scontato.

Per Genova partiranno in 21:

Portieri. Guarna e Bolletta.

Difensori: Adjapong, Botteghin, Donati, Falasco, Giordano, Quaranta e Tavcar.

Centrocampisti: Caligara, Collocolo, Eramo, Fontana e Giovane.

Attaccanti: Bidaoui, Dionisi, Falzerano, Gondo, Lungoyi, Mendes, Palazzino.

Fra gli indisponibili Bellusci, che a Bari non ha giocato in quanto squalificato, e Buchel per il quale non si conosce la natura del presunto infortunio.

E’ da supporre che a Marassi Bucchi utilizzerà alcune seconde linee per evitare infortuni e affaticamenti ai titolari che lunedì prossimo sono attesi dall’impegnativo confronto di campionato contro il Cagliari, decisamente più importante di quello di Coppa Italia. 

Il portiere ascolano Bolletta

In porta, oltre a Leali, assente sarà anche Baumann, per cui è presumibile che esordisca il giovane Bolletta, con Guarna secondo.

A Botteghin potrebbe essere concesso un turno di riposo visto che finora ha sempre tirato la carretta per far posto a Tavcar che dall’inizio di campionato ha solo fatto panchina. Centrocampo risicato all’osso per via dell’indisponibilità di Buchel ma con Giovane e Fontana pronti all’impegno.

Nessun problema per l’attacco con Dionisi che dovrebbe sedere in panchina, Bidaoui che tornerà titolare, mentre per completare il reparto Bucchi ha solo l’imbarazzo della scelta. 

La partita con la Sampdoria dovrà essere affrontata con la mente sgombra: perderla sarebbe normale e non creerebbe alcun problema. Vincerla significherebbe fa entrare nelle casse bianconere una bella somma, il premio per il passaggio del turno. Arbitra Luca Zufferli.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Chi va e chi viene, come cambia la Giunta regionale

Next Story

Cosa facevano uomini e donne a letto nel medioevo

Ultime da