Iachini e Carillo, due ascolani sulla strada dell’Ascoli

2 minuti di lettura

Battendo per 2 a 0 la Reggina la classifica dell’Ascoli, a quattro giornate dal termine del campionato, può considerarsi, in funzione dei play off, abbastanza vantaggiosa rispetto a Perugia e Cittadella, le due squadre che potrebbero determinare qualche preoccupazione all’undici di Sottil. Gli umbri accusano un handicap di sei punti mentre i veneti sette. Quest’ultima squadra, tra l’altro, dovrà giocare fra due settimane al Del Duca dove c’è da attendersi che si giocherà le poche speranze di arrivare nel lotto delle sei squadre che si giocheranno la terza promozione in serie “A.

Bidaoui,l’arma in più per Sottil

Tornando all’incontro casalingo con la Reggina, dopo aver visto giocare l’undici bianconero nel corso dei primi 45 minuti, non sono mancate forti perplessità riguardo al rendimento generale. Fortunatamente Sottil si è reso conto di ciò che non stava andando per il verso giusto e nell’intervallo ha apportato delle modifiche tattiche e tecniche che hanno trasformato il complesso. Una ripresa in cui l’Ascoli ha dominato l’avversaria su tutto ed i due goal di scarto con i quali ha chiuso la partita non hanno reso giustizia ai bianconeri che avrebbero meritato un goal in più. Vittoria che sicuramente ha corroborato i giocatori che stanno avvertendo l’importanza dell’impresa che viene chiesta loro. Meritano sin da ora un plauso per la classifica che hanno raggiunto, 55 punti che se non sono record, poco ci manca.

Iachini e Carillo, oggi sulla panchina del Parma

Ora, testa alla partita del Tardini contro il Parma guidato dal duo ascolano composto da Peppe Iachini e Peppe Carillo che hanno lasciato un ricordo sportivo indelebile ma, c’è da giurarci, che lunedì prossimo non guarderanno in faccia alla loro ex squadra. La classifica non da eccessive possibilità ai parmensi di accedere ai play off, ma il duo ascolano ci spera ancora e non sarà una partita semplice.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

“La voce d’oro di Mussolini”, alla Rinascita la storia di Lisa Sergio

Next Story

Lisa Sergio, la donna che visse tre volte

Ultime da