La ricostruzione di Arquata e di 6 frazioni: il progetto di Boeri arriva in Consiglio comunale

3 minuti di lettura

Ricostruzione di Arquata del Tronto e delle sue frazioni (6) distrutte dal sisma del 2016, finalmente ci siamo. Lunedì 9 maggio 2022, infatti, sarà una giornata decisiva per la rinascita del territorio arquatano. All’ordine del giorno del Consiglio Comunale c’è infatti l’adozione dei piani urbanistici attuativi, abbreviati in ‘P.U.A.’, che danno inizio alla fase operativa della ricostruzione. Si tratta del frutto dei complessi studi tecnici e dell’approfondito confronto con i cittadini che hanno caratterizzato la prima fase della ricostruzione, quella certamente meno visibile ma assolutamente necessaria per poi muoversi sul campo.

I resti di Arquata del Tronto distrutta dal sisma

L’adozione dei P.U.A. apre una stagione nuova per tutte le così dette ‘zone perimetrate’: Arquata capoluogo, Pretare, Piedilama, Vezzano, Pescara del Tronto, Tufo e Capodacqua. Nella sala consiliare del Comune, alle 17, saranno presenti, oltre al sindaco Michele Franchi e agli amministratori arquatani, anche le più alte cariche istituzionali della Provincia e della Regione, insieme al commissario alla ricostruzione Giovanni Legnini e all’ingegner Fulvio Maria Soccodato. Parteciperanno all’incontro anche i vertici del Parco Nazionale dei Monti Sibillini e della Soprintendenza Marche Sud. Interverrà invece in videocollegamento l’architetto Stefano Boeri, in rappresentanza del gruppo, guidato da Mate Engineering, che ha curato insieme ai tecnici del Comune i progetti delle sette zone perimetrate: lo Studio Stefano Boeri Architetti, Proge 77, Nhazca e Dream Italia.

Demolizione post sisma nella frazione di Pretare

E’ un passaggio cruciale della ricostruzione – commenta il sindaco Michele Franchi – che deve relegare al passato qualsiasi polemica: d’ora in poi si va avanti tutti uniti, come sempre senza sosta”. L’adozione dei piani sarà seguita da un ulteriore confronto con i cittadini, che potranno presentare osservazioni e opposizioni entro 30 giorni dalla pubblicazione (utilizzando gli appositi moduli che il Comune metterà a disposizione). Conclusa questa fase, l’iter proseguirà con la conferenza permanente degli enti indetta dalla struttura commissariale: saranno interessati, oltre al Comune, la Provincia, la Regione, i parchi nazionali, la Sovrintendenza e tutte le altre istituzioni coinvolte nella ricostruzione. Sulla base di essa saranno approvati i piani attuativi definitivi.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

“Race for the cure”, pazze sotto la pioggia!

Next Story

Dal David di Donatello alla poesia per Pretare: Decaro recita “Ferito Incanto”

Ultime da