maltignano

Successo per il Palio degli Arcieri di Maltignano, dopo due anni di forzato stop

3 minuti di lettura

Una delle rievocazioni storiche più caratteristiche di tutto il Piceno. Dopo qualche anno di stop segnato dal terremoto prima e dal Covid poi, Domenica 22 Maggio a Maltignano si è svolto il “Palio degli arcieri”, nell’ambito dei festeggiamenti del patrono, San Cristanziano., compagno evangelizzatore di Sant’Emidio , diacono e martire di Ascoli.

Un vero e proprio segnale di ripresa per un territorio martoriato dal sisma del 2016, segnato da numerosi crolli ed edifici pericolanti tanto da farlo diventare zona rossa. Aspetto che ha determinato la conseguente migrazione di numerosi abitanti verso altri territori. Non solo case ed appartamenti, il terremoto ha lesionato anche gli edifici del Municipio, del cimitero e della chiesa.

Attualmente è stata avviata la ricostruzione di questi palazzi ma il tutto è stato comunque molto lento, per via delle numerose pratiche burocratiche. A ciò si è aggiunto anche il problema di alcune grotte sotteranee che ha costretto a diverse famiglie di evacuare.

I festeggiamenti del Santo Patrono sono stati quindi l’inizio di una rinascita per tutti gli abitanti, frutto di un vero e proprio lavoro di squadra che ha visto in prima linea l’amministrazione comunale in sinergia con l’associazione Publio Maltino Basso.

Dopo il raduno del corteo storico, composto da circa cinquanta elementi vestiti in costumi d’epoca di proprietà dell’Associazione “Publio Maltino Basso” che da Piazza Di Vittorio che ha attraversato le vie del paese, si è svolta la gara degli arcieri, presso il campo sportivo “E.Leodori” ,anticipata dal sorteggio che ha decretato l’abbinamento degli gli arcieri alle contrade.

La terza edizione ha visto il trionfo della Contrada del centro storico che si è aggiudicata il Palio di San Cristanziano con gli arcieri Carlo Branco, Monia Fagiani, Simone Marziali e Alessandra Nardinocchi. Al secondo posto è arrivata la Contrada Certosa ( con gli arcieri Giordano Conocchioli, Ireneo Magetta, Daniel Pizzingrilli e Luigi Sacripanti), al terzo la Contrada Piano Selva ( Stefano Falconi, Giampiero Cocci, Andrea Senesi e Ivano Talamonti).

A metà classifica, al quarto posto Caselle ( Giulia Del Vais, Mirko Mascaretti, Roberto Mindoli e Federico Rapagnani), quinto posto per la Contrada Borghetto ( Elio Filipponi, Grazia Grilli, Anna Salvatori e Giuseppe Volpicella).

Ultimo posto per la Contrada Sacconi ( Luciano Bracciani, Nicola Falconi, Emidio Felicetti e Annarita Parsi).

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Le botti diventano opere d’arte per finanziare il reparto di ematologia

Next Story

Contare fino a dieci prima di parlare non sarebbe una cattiva idea

Ultime da