Calciomercato Ascoli, tutto tace

2 minuti di lettura

I tamburi bianconeri non stanno rullando. Segno evidente che in questo periodo di carne al fuoco ce n’è tanta ma di concreto ancora nulla. Tutte le attenzioni sono rivolte a Tsadjuot che l’Ascoli sembra fortemente intenzionato ad acquistarlo definitamente offrendo al giocatore un contratto triennale. Non si conoscono i termini della trattativa che sta incorrendo fra Ascoli e Milan, proprietario quest’ultimo del cartellino del ventitreenne nato a Perugia. Di certo si può dire che il Milan non ha alcuna intenzione di inserire nelle sue file l’attaccante per cui il “colored” verrà dato in prestito o venduto ad una società, presumibilmente di serie “B”. L’Ascoli è in “pole position” per accaparrarselo forte anche della volontà espressa dall’attaccante di voler restare in bianconero nel caso venisse dirottato ad altra squadra.

Che Tsadjout abbia dimostrato nel corso delle 16 partite giocate di essere un discreto attaccante, nessuno lo contesta. Quindi, ben venga il ragazzo nelle file bianconere. Ma se Bucchi e Valentini credono che con questo giocatore vengano risolti i problemi dell’attacco dell’Ascoli, sarebbero fuori strada. Tsadjout ha segnato solo quattro goal, di cui tre nell’ultima partita contro la Ternana e effettuato due assist. Si è messo in bella evidenza nel gioco aereo e nell’azione di supporto al centrocampo ed alla difesa. Ma l’impellente necessità dell’Ascoli è assicurarsi un attaccante che possa garantire una quindicina di goal nel corso del campionato che andrà ad affrontare. Si deve tener presente che le altre due punte, Bidaoui e Dionisi, hanno superato la soglia della trentina, 33 il primo, 35 il secondo, per cui bisognerà tener presente la loro autonomia fisica. Per quanto concerne Iliev sembrerebbe che sia destinato ad essere venduto ad un club tedesco di seconda divisione. Il giocatore è costato a suo tempo oltre un milione di euro per cui è da scartare l’idea di rimetterci pesantemente per mandarlo all’estero. Non sarebbe un cattivo pensiero dargli, qualora si verifichi questa eventualità, una seconda chance per consentirgli di cancellare la deludente stagione appena conclusasi. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Coldiretti Marche: aziende in difficoltà per la siccità e il caro gasolio

Next Story

Ascoli, Notte Bianca a Borgo Solestà (e non solo)

Ultime da