La trasformazione punto d’incontro fra arte e moda: l’evoluzione della boutique

4 minuti di lettura

Che la moda sia una forma d’arte è cosa ormai assodata e consolidata da molti anni come dimostrano le numerose mostre nei più prestigiosi musei di tutto il mondo, gli spazi delle diverse casa di moda dedicati ai laboratori artistici, le collaborazioni col mondo del cinema e del teatro; e ora questo binomio sta vivendo una nuova fase grazie all’interesse del settore per le infinite applicazioni e contaminazioni col mondo sempre più espanso dell’arte.
È questa la filosofia alla base dello sviluppo di un progetto tutto ascolano che la boutique People ha concepito in un ambiente che va oltre il concetto classico di negozio; un ampliamento di funzione sociale per creare uno spazio dove diverse forme d’arte si incontrano e fondono dando vita a quella cultura multidisciplinare che diventa anche circolare perché arriva al riutilizzo, tema sempre più centrale nel mondo di oggi ma superando il semplice riciclo per arrivare ad un livello superiore: quello del riuso.
Da un’idea di Patrizia Leanza, titolare della boutique, che si è ispirata alla tradizione antica di Ascoli dei bachifici di cui si possono ancora intravedere le tracce delle antiche sedi contraddistinte dai colori bianco e rosso sia nelle facciate che nelle tavelle dei sottotetti. Così dal magazzino della boutique alcuni capi vintage hanno trovato nuova vita in forma diversa: sete con fantasie dal gusto rétro vengono trasformate in borse esclusive poiché uniche e personalizzabili con accessori come collane che diventano tracolle. Insomma il massimo dell’artigianalità al servizio di quella moda che sa creare pezzi unici come nell’arte ed da questa intuizione che nasce la collaborazione con l’artista Ivo Cotani che a sua volta ha dato un’altra vita ancora a questi tessuti includendoli in quadri di grande effetto tridimensionale. Scampoli di diversi colori e fantasie sono state cucite su tele e rivisitate dall’artista che ha integrato l’opera con il suo segno grafico di grande impatto visivo. Lo spazio di People ha già ospitato in passato eventi di artisti di diverso genere dando la possibilità di poter usufruire di vera arte in vetrina e organizzazione di eventi non banali ma sempre ricercati e di qualità.

Questo nuovo progetto “Bachē” di Patrizia Leanza che è lo sviluppo del concetto più artistico del rinnovare, dare più di una nuova vita ad oggetti concepiti per usi che erano diversi ma che cambiano uso grazie alla maestria e ad una professionalità data da anni nel settore e un gusto non comune che si trova in ogni dettaglio della boutique e che si respira nella sua atmosfera. Il bozzolo del baco da seta, testimonianza del passato di Ascoli, diventa simbolo di guscio, bozzolo che racchiude progetti di riuso, unione e incontro di diverse forme d’arte che da crisalide si trasforma in una realtà usufruibile in tanti modi.
Un iniziativa che crea un ulteriore valore nella produzione unica e locale che va ad arricchire le proposte commerciali per i turisti sempre più numerosi tra le vie e le piazze del nostro centro storico; una nuova eccellenza della produzione artigianale ascolana che riscuote successo grazie ad un impegno corale delle menti creative del nostro territorio. Le opere di Ivo Cotani della mostra “Bachè” sono in esposizione nella boutique in Corso Mazzini oltre alla presenza sui social che fanno da cassa di risonanza agli eventi organizzati da People.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Che l’Ascoli abbia deciso di giocare il campionato under 21?

Next Story

Ascoli, la scrittrice e la città: un testo di Dafne Perticarini

Ultime da