Musica, Noemi: “Lo sguardo e il sorriso del pubblico sono il vero motore degli spettacoli”

3 minuti di lettura

E’ una delle artiste femminili di musica pop più amate in Italia ed è attesa di nuovo nelle Marche, dove sarà protagonista di un grande concerto dove ripercorrerà i primi 13 anni della sua folgorante carriera. Noemi, al secolo Veronica Scopelliti, l’artista romana lanciata nel 2009 dal talent show televisivo “X Factor” e reduce dall’ultima edizione del Festival di Sanremo, sarà questa sera ad esibirsi dal vivo all’Area Impianti Sportivi di Comunanza, all’interno di un  giro di concerti che andrà avanti fino a dicembre per un lungo viaggio sui palchi di tutta Italia.

Anche nell’estate 2021 ci fu modo di suonare dal vivo, ma erano eventi ‘piccoli’ e gli spettatori avevano la mascherina: ho capito che lo sguardo e il sorriso del pubblico è il vero motore degli spettacoli” evidenzia subito la bella cantante dai capelli rossi, da qualche stagione tornata in una forma fisica smagliante. “A me il lockdown è servito a recuperarmi, per farmi capire che non ero felice di ciò che ero” confessa, ricordando mesi in casa in cui si è resa conto di essersi persa, lei che era stata sempre così sportiva e longilinea in passato. Un periodo in cui ha approfittato anche a recuperare la scrittura di nuove canzoni, nonostante sia così tanto amata dai giovani autori.

Le Marche non sono solo la regione della famiglia di mia madre ma anche del mio amico Dardust” puntualizza Noemi, ringraziandolo per aver voluto per lei nelle due ultime edizioni di Sanremo dei brani molto differenti, che le hanno offerto l’opportunità di cambiare: “Glicine” nel 2021 e del recente “Ti amo non lo so dire”, 14 milioni di visualizzazioni su Spotify, due delle sette partecipazioni all’Ariston. “Dardust con Mahmood e Alessandro La Cava hanno voluto quest’anno un’altra Noemi, usando il mio timbro mediante un fraseggio particolare” puntualizza l’interprete di tanti brani di successo: da “Briciole”  a “Vuoti a perdere”, da “ Sono solo parole” a “L’amore si odia” con Fiorella Mannoia.

Con Dardust conto di essere presto presente al suo memorial ascolano: ci siamo cimentati in una versione voce e piano di ‘Ti amo non lo so dire’ e dobbiamo per forza farla in pubblico” conclude una sempre entusiasta Noemi, negli ultimi mesi schieratasi al fianco di “Save The Children” a favore dei bambini bisognosi di tutto il mondo.                                  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Piano piano anche l’Ascoli sta prendendo forma

Next Story

Italia Viva, “fiduciosi per la realizzazione di un biodigestore nel Piceno”

Ultime da

Le notti bianche Detto così si potrebbe pensare al racconto di Dostoevski, ma trattandosi di un