3 minuti di lettura

Il feeling perduto

E’ durato poco tempo il feeling fra la tifoserie bianconera, il tecnico ed i giocatori. Dopo un inizio soddisfacente, sono bastate due sconfitte di seguito per mandare in malora  tutto. Per carità, non sono stati i due risultati negativi a far saltare il tappo bensì, sia con il Perugia che con il Parma, la qualità delle prestazioni della squadra  decisamente scadenti sotto ogni punto di vista. A tutto ciò vanno aggiunti certi comportamenti di Bucchi che hanno indispettito i tifosi. 

La tifoserie bianconera è particolare, esigente ed anche competente. Ma dopo 16 campionati di “A” e 27 di “B” hanno acquisito una certa conoscenza calcistica che li rende capaci di giudicare e, se serve, criticare. 

È dall’inizio del campionato che l’Ascoli non convince per il gioco che esprime. Eppure il ”mister” ha a sua disposizione una “rosa” composta da oltre 24 elementi di buona levatura tecnica che basterebbe utilizzare nel modo più consono per avere prestazioni soddisfacenti. Nell’ultimo periodo ci è parso che Bucchi si trovi in imbarazzo quando deve scegliere i giocatori da mandare in campo e  quale modello tattico adottare. Si è capito che l’allenatore adora il 4 – 3 – 3, tanto in voga nei campionati italiani. Ma nelle ultime prestazioni si sono notate le difficoltà dei tre centrocampisti a contenere la spinta offensiva degli avversari – se non si fa pressing si finisce per essere travolti –  e ad impostare le azioni di rilancio, in quanto manca il regista che faccia girare la palla per poi imbucarla verso gli attaccanti.

Per esempio, contro il Parma, compagine decisamente superiore alla nostra, Bucchi forse avrebbe fatto meglio ad optare per il 4 – 4 – 2, proponendo un centrocampo più abbottonato. Forse. Ma noi non siamo allenatori perciò potremmo sbagliare.

Alcuni giocatori, poi, sono completamente fuori condizione. Corrono poco e male. Le due settimane di sosta potrebbero servire a colmare le lacune che strada facendo sono venute a galla. Sbagliamo se diciamo che c’è bisogno di lavorare con maggiore intensità ma soprattutto rapidità? Vorremmo tanto saperlo!   

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Caro Bucchi, così non va!

Next Story

Ascoli, l’estate sta finendo… tiriamo le somme

Ultime da