Ascoli-Modena e le strane combinazioni del calcio. Verso la conferma del 3-5-2.

2 minuti di lettura

Le strane combinazioni del calcio: Bucchi ha giocato nel Modena ed ora si ritrova ad allenare l’Ascoli. Tesser ha allenato l’Ascoli e sabato guiderà il Modena, con il quale ha vinto alla grande lo scorso campionato di serie “C”, alla ricerca del primo punto esterno. Nei precedenti impegni lontani dallo Braglia i “canarini” hanno rimediato tre sconfitte su tre. Ora sono animati dalla forte intenzione di rompere il digiuno proprio contro la sua ex squadra.

Picus, la nuova mascotte ufficiale dell’Ascoli Calcio (Foto Ascoli Calcio 1898)

Stesso sentimento anima Bucchi che non si farà scrupoli nel rimandare in terra emiliana la squadra con cui ha militato da giocatore. Non mancano quindi le motivazioni sia da una parte che dall’altra entrambe alla ricerca del rilancio: l’Ascoli per confermare che il buon pareggio di Benevento non è stato casuale, il Modena, galvanizzato dal successo inaspettato contro la capolista Reggina, vuole brindare al primo risultato utile in trasferta. La “rosa” dei canarini è stata leggermente ritoccata rispetto a quella dello scorso campionato. Il presidente ha ritenuto di dare massima fiducia al gruppo che tanto ha fatto bene in serie “C” nella convinzione che il salto di categoria non ha inficiato le capacità tecniche di ogni giocatore. La qual cosa fa intuire che il Modena giochi un calcio a memoria basato soprattutto sulla rapidità e velocità.

Fatta eccezione per Leali – che ha già ripreso ad allenarsi con cautela – tutti i giocatori della “rosa” bianconera sono a disposizione di Bucchi il quale dovrà sciogliere il dubbio se confermare o meno, trattandosi di una partita casalinga, il modulo tattico adottato a Benevento. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Schiavi di Hitler in Germania: risarcisce lo Stato italiano

Next Story

Bucchi a un passo dal baratro, continuando così la C non ce la toglie nessuno

Ultime da