Ascoli, Tavcar una scoperta e Aureliano un signor arbitro

2 minuti di lettura

Che bravo ragazzo Tavcar, il centrale difensivo dell’Ascoli. Da un anno e mezzo militava nelle file bianconere ma non l’avevamo mai visto in campo. Finalmente, giovedì scorso sul terreno di gioco di Marassi, ci è stata data l’opportunità di valutare la sua prima prestazione  in Coppa Italia. Ha disputato 120 minuti mostrando personalità e sicurezza data anche la giovane età. Dopo tanti mesi fermo ai… box non era facile trovarlo pronto a sostenere un impegno piuttosto difficile. Nelle sue dichiarazioni posto partita il ragazzo ha ringraziato la società per la fiducia accordatagli e si è dichiarato felicissimo per l’inatteso esordio in prima squadra. Ora sappiamo che l’Ascoli può contare su un buon difensore tanto più che il momento non è particolarmente felice per l’Ascoli che conta due centrali, Simic e Bellusci, che sono alle prese con problemi di natura muscolare ed il loro rientro in prima squadra è in dubbio per la partita di lunedì prossimo contro il Cagliari.

A dirigere il confronto con l’undici isolalo è stato designato Aureliano di Bologna, 42 anni e tanta esperienza sulle spalle. Dopo anni ed anni che non succedeva sui campi di calcio italiani, Aureliano punì con una punizione a due il portiere della squadra di casa che anziché rinviare la palla, “passeggiava” in area tenendola stretta fra le mani. Una volta si contavano i secondi, sulla base dei passi che effettuava il portiere, che non doveva essere superiori a 6. Regola che ora viene bellamente disattesa.   

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Ascoli, “Middie Lunghe” talent scout calcistico di periferia

Next Story

Ascoli, il cantiere riformista va avanti

Ultime da