Abduwali Ali Abdalle e Claudio Colletta

Grottammare, la città dei vivai e il Sistema di Accoglienza e Integrazione (SAI)

Sempre più spesso le vite di richiedenti asilo o titolari di protezione si integrano con lo spirito della comunità e del territorio che li ospita. È il caso di Abduwali Ali Abdalle

3 minuti di lettura

di Matteo Salvucci – Operatore SAI – Grottammare

Il Comune di Grottammare è stato uno dei primi che ha aderito al Progetto SAI istituito dal ministero dell’Interno. Gli enti locali possono accedere, nei limiti delle risorse disponibili, al Fondo Nazionale per le politiche e i servizi dell’asilo; fondi che sono finalizzati a percorsi individuali di orientamento, assistenza, inserimento socio-economico. È dal 2007 che il Comune rinnova questo prezioso Progetto, da sempre connotato con la denominazione “Together”; infatti è insieme ad ogni ragazzo che gli operatori, in un’equipe multidisciplinare, si impegnano a costruire questa crescita, questa storia.

Sempre più spesso le vite di questi ragazzi ospiti (richiedenti asilo o titolari di protezione) si integrano con lo spirito della comunità e del territorio che li ospita. È il caso di Abduwali Ali Abdalle, un ragazzo somalo nato nel ‘97, che ha trovato l’opportunità di un tirocinio per imparare il lavoro del vivaista, settore d’eccellenza dell’economia e della cultura grottammarese. Un altro ragazzo, Daniele, che viene da una famiglia di tradizione vivaista, conosce bene il Progetto SAI e ha pensato di metterlo in atto facendo conoscere Abduwali al fratello Claudio, titolare dell’azienda vivaista a conduzione familiare.

Abduwali Ali Abdalle e Claudio Colletta.

Per Abduwali è cosi arrivata la possibilità di apprendere un lavoro e capirne anche le dinamiche in Italia. Daniele è consapevole dei sacrifici passati e della voglia di trovare nuove possibilità e un’altra vita attraverso l’emigrazione. Infatti Daniele ha vissuto per un periodo in Australia, dove differenti esperienze lavorative lo hanno formato e fatto crescere; poi il forte senso del richiamo di casa, di Grottammare, lo ha visto cimentarsi nel suo territorio d’origine con lavori stagionali connessi alla sua passione, la cucina.

E a Grottammare è arrivato, invece dalla Somalia, Abduwali, un ragazzo molto timido, riservato, che vuole una precisa identità e costruirsi un futuro qui in Italia, col sogno di poter riabbracciare sua moglie, la sua famiglia, nella speranza di far fruttare i consigli e gli insegnamenti di Claudio e la ricchezza della nostra terra, entrando a far parte a tutti gli effetti della famiglia Colletta. Claudio infatti gli ha insegnato a rispettare i ritmi della natura e a immergersi nelle essenze, nei colori e nel paesaggio del nostro territorio. La speranza è che Abduwali grazie a questo tirocinio, cresca come un uomo formato e competente di un nuovo lavoro, magari con un contratto vero e proprio, con la possibilità, in futuro, di realizzare il sogno di avere un vivaio tutto suo qui, nella sua Grottammare.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Dardast torna in concerto: anteprima nazionale ad Ascoli

Next Story

Vinicio Simonetti, il cantautore ascolano col suo nuovo singolo “In Your Eyes”

Ultime da