Omicidio Albertini, la Cassazione rinvia alla Corte d’Appello per la rideterminazione delle condanne

1 minuto di lettura

La Corte di Cassazione ha rinviato alla Corte d’Appello di Firenze la rideterminazione della condanna a otto  anni e quattro mesi che la Corte d’Appello di Perugia aveva confermato a Giorgio Giobbi, ritenuto responsabile, unitamente a Damiano Chirico, dell’omicidio Albertini, avvenuto il 17 febbraio 2016. La Cassazione farà conoscere il dispositivo che poi invierà alla corte d’Appello di Firenze i cui giudici fisseranno poi la data dello svolgimento dell’udienza. In primo grado Chirico e Giobbi vennero condannati rispettivamente a 12 anni e ad 11 anni e quattro mesi. Successivamente in appello a Giobbi venne ridotta a 8 anni e 4 mesi mentre a Chirico vennero confermati i 12 anni. La drammatica vicenda sconvolse gli ascolani. Albertini entrò in compagnia di un amico in un bar ubicato in piazza del Popolo. Iniziò a sparlare di Giobbi con il quale in precedenza aveva avuto dei contrasti. Le parole vennero riferite telefonicamente da Chirico a Giobbi. Quest’ultimo si precipitò nel bar dove ebbe un violento alterco con l’Albertini che sfociò in una violenta aggressione fisica. Albertini, ripetutamente colpito da calci e pugni, riportò la rottura della milza senza rendersi conto della gravità. Dopo un’ora circa accusò violenti dolori e venne trasferito in ambulanza al Mazzoni ma ormai era troppo tardi. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Ascoli, il mistero dell’autobus 10

Next Story

Carabinieri forestali: bilancio di un anno davvero infuocato, triplicati gli incendi nei boschi

Ultime da

Le notti bianche Detto così si potrebbe pensare al racconto di Dostoevski, ma trattandosi di un