L’ascolano Stefano Russo nuovo Vescovo di Velletri

5 minuti di lettura

Il monsignore ascolano Stefano Russo, attuale segretario generale della Cei, è il nuovo Vescovo di Velletri-Segni. E’ stato nominato dal Papa che ha accolto la rinuncia al governo pastorale di monsignor Vincenzo Apicella.

La nomina è stata resa nota oggi, sabato 7 maggio 2022.

Monsignor Russo, ascolano doc, dal 2016 al 2018 stato vescovo di Fabriano-Matelica rinunciando poi all’incarico per i crescenti impegni a Roma dove di fatto è il numero due, dopo il cardinale Gualterio Bassetti, della Conferenza Episcopale Italiana. Ora con il nuovo incarico, lascerà la segreteria della Cei.

Mons. Stefano Russo

Il cardinale Bassetti, nel salutare il segretario, ha voluto sottolinearne “la bontà d’animo, la capacità di accettare complimenti e critiche, la dolcezza nell’esercizio del ministero sacerdotale”. “Anche nei momenti tristi – ha detto – sul tuo viso non è mai mancato il sorriso che ti caratterizza. È segno di una speranza che non viene mai meno. Grazie, don Stefano, per quanto nella veste di Segretario Generale hai fatto a servizio della nostra Conferenza Episcopale in anni non facili a causa della pandemia che lentamente ci stiamo lasciando alle spalle ha condizionato tutta l’attività pastorale. Caro don Stefano, che tu possa continuare a vivere il tuo ministero con quell’attenzione e quella cura per le persone che non ti sono mai mancate! Questo – ha concluso- è il mio augurio e l’augurio di tutti noi“.
 “Ogni chiamata è sempre una sorta di capovolgimento -ha commentato mons. Russo tramite il sito ufficiale della Cei-. Nel corso della vita tutti facciamo progetti, organizziamo le settimane, mettiamo sulle nostre agende le cose da fare e poi improvvisamente arriva una chiamata, una visita che ti dice: lascia tutto! Quel ‘vieni e seguimi’ (Mc 10,21) continua a risuonare e chiede di mettersi in cammino. E la miglior risposta sta nel… ‘e subito, lasciate le reti, lo seguirono’ (Mc 1,18). Ho vissuto sempre questa dinamica: prima come Vescovo di Fabriano-Matelica; dopo pochi anni, come Segretario Generale della CEI; ora, come Vescovo di Velletri- Segni. In tutte queste chiamate ho amato la Chiesa e ho cercato di voler bene a tutte le persone che ho incontrato: Vescovi, sacerdoti, religiosi e religiose, laici e laiche“.

CHI E

Nato nel 1961, don Stefano si è laureato in Architettura all’Università di Pescara. Ha frequentato i corsi per il Baccalaureato in Teologia presso la Pontificia Università Lateranense. Il 20 aprile 1991 ha ricevuto l’ordinazione presbiterale presso la Cattedrale di Ascoli Piceno. Dal 1990 al 2007 è stato Presidente della Commissione arte sacra e beni culturali della diocesi di Ascoli Piceno e incaricato per i beni culturali ecclesiastici; dal 1990 è stato membro della Consulta e dal 1996 al 2005 incaricato regionale per i beni culturali ecclesiastici della Conferenza episcopale marchigiana; dal 1995 al 2005 ha coordinato le attività del Museo Diocesano di Ascoli Piceno. Dal 1999 al 2001 è stato amministratore parrocchiale di S. Pietro a Castel San Pietro (AP). Dal 2001 al 2005 è stato responsabile dell’Udtap, Ufficio diocesano che coordina gli interventi di recupero degli edifici di valore storico-artistico danneggiati dal terremoto. Dal 2001 è stato membro e dal 2005 al 2015 Responsabile del Comitato dell’Ufficio nazionale beni culturali ecclesiastici della Cei e vice parroco di San Giacomo della Marca. È stato inoltre membro della Commissione per i beni e le attività culturali della Regione Marche dal 2002 al 2005 e dal 2015 parroco dei Santi Pietro e Paolo ad Ascoli Piceno. Il 18 marzo 2016 è stato nominato vescovo di Fabriano-Matelica. Il 28 settembre 2018 è divenuto segretario generale della Cei reggendo ancora la diocesi di Fabriano-Matelica in qualità di amministratore apostolico fino al 27 aprile 2019. È inoltre presidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione di Religione Santi Francesco d’Assisi e Caterina da Siena.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Ascoli calcio, show di Tsadjout contro la Ternana mentre venerdì primo round di play off contro il Benevento

Next Story

La prevenzione anti tumorale si fa in azienda: accordo Iom-Avery Dennison

Ultime da