acquasanta terme

Acquasanta Terme: inaugurata la nuova elisuperficie per l’elisoccorso

2 minuti di lettura

Passi concreti per la ricostruzione post-sisma del territorio di Acquasanta Terme, uno dei maggiori comuni del Piceno (il più grande dopo Ascoli) con oltre 138 km2 di superficie.

E’ stata inaugurata infatti la nuova elisuperficie, alla presenza del prefetto Carlo De Rogatis, del sindaco Sante Stangoni, del vice sindaco Luigi Capriotti, del presidente del Bim, Luigi Contisciani, della protezione civile, della croce verde e dell’Arma dei Carabinieri.

Una struttura destinata all’atterraggio dell’eliambulanza e dei mezzi di soccorso, che verrà messa a disposizione per tutto il territorio Piceno.

Si tratta di un progetto dal costo di 107.000 euro, finanziato grazie al contributo delle donazioni raccolte mediante il numero solidale 45500, adibita al servizio dell’elisoccorso al volo diurno e notturno.

Il soccorso sanitario costituisce una competenza esclusiva del Servizio Sanitario Nazionale pertanto è stato approvato lo schema di “Protocollo d’intesa relativo a implementazione, adeguamento, conduzione e gestione delle elisuperfici appartenenti alla Rete Regionale Elisuperfici (R.E.M.) e dei siti di atterraggio non convenzionali (HLS non STD) per operazioni NVG, finalizzati al servizio di elisoccorso e protezione civile”, tra Regione Marche, Enti proprietari di elisuperfici e l’Azienda Ospedaliera Universitaria “Ospedali Riuniti” di Ancona”.

Soddisfazione da parte del Sindaco, Sante Stangoni, ” La nuova elisuperficie è un’ opera importantissima per il nostro territorio che permette di avere un servizio essenziale sia in caso d’emergenza, che per la salute e l’incolumità di residenti e turisti, fruitori delle nostre aree montane“.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Presidenza Ciip, i sindaci del Piceno ci provano: “Cambiamento e percorso condiviso”

Next Story

Quintana. Porta Tufilla nel caos, nominato il commissario

Ultime da

Le notti bianche Detto così si potrebbe pensare al racconto di Dostoevski, ma trattandosi di un