13,18 la terra torna a tremare nell’ascolano

2 minuti di lettura

Avevamo deciso di fare un’inchiesta sulla situazione delle zone terremotate, chiedendoci a che punto erano i lavori di ricostruzione, quante erano le persone rientrate e quante nelle zone più colpite avevano deciso di non tornare, ma il terremoto ci ha voluto rimettere lo zampino, quasi volesse ricordare che è inutile ricostruire, tanto lui c’è sempre e i suoi danni può riproporli.

Oggi 9 giugno 2022 alle ore 13.18, con epicentro in mare tra la costa Picena e quella Fermana, è stata registrata una scossa di magnitudo 4.1

Pochi se ne sono accorti, perché in quel momento stava imperversando un nubifragio con tanto di grandine e tuoni da coprire tutto e confondere. 

4 minuti dopo un’altra scossa, sempre nella stessa zona ma di magnitudo 2.4.

Ricostruire allora è urgente, ma farlo a regola d’arte seguendo le norme antisismiche diventa fondamentale.

A seguito dell’evento sismico il Dipartimento della Protezione Civile si è messa in contatto con le strutture locali del Servizio nazionale della Protezione Civile per le prime verifiche, ma non sono stati segnalati danni a persone o cose, e per dare disposizioni per restare all’erta. 

Trenitalia, dal canto suo, ha interrotto il transito tra le stazioni di Alba Adriatica e quella di Porto San Giorgio, per permettere ai tecnici di effettuare le verifiche lungo il tratto interessato. Il traffico sulla linea è ripreso in serata.

Il sisma è stato localizzato ad 8 km da Cupra Marittima, 9 km da Grottammare, 11 km da Pedaso, 12 km da San Benedetto del Tronto e Campofilone, 13 km da Massignano, 15 km fa Altidona e Acquaviva Picena, 16 km da Ripatransone e Monteprandone, 17 km da Montefiore dell’Aso, Lapedona e Martinsicuro, 19 km da Moresco, 20 km da Colonnella, 47 km a nord est di Teramo, 61 km a nord di Montesilvano.

(In “primo piano” un’inchiesta sullo stato delle cose nelle zone colpite dal sisma del 2016)

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

L’educazione di Inzaghi e l’ingenuità di Pulcinelli

Next Story

Ricostruzione post sisma tra luci e ombre: adesso lo spopolamento fa paura

Ultime da