Fine della querelle, Bucchi è l’allenatore dell’Ascoli!

2 minuti di lettura

Cristian Bucchi, dunque, siederà sulla panchina dell’Ascoli per la stagione 2022 – 23. In mattinata la società di Corso Vittorio ha emesso un comunicato in cui si ufficializzava la scelta del nuovo tecnico che succederà ad Andrea Sottil, passato all’Udinese. Alle 14,30, poi, si è svolta nella sede sociale la conferenza stampa nel corso della quale il tecnico romano ha tenuto a sottolineare che la base della squadra bianconera è solida, non bisognosa di essere stravolta. Il reparto avanzato necessita di essere rinforzato per cui immediatamente si aprirà il dialogo fra l’allenatore ed il direttore sportivo.

 “Dovremo essere – ha proseguito – umili ma nello stesso tempo ambiziosi. Ci attende un campionato non facile che richiederà ai giocatori il massimo impegno e tanta voglia di emergere. Ho constatato che il lavoro tracciato da Sottil è risultato positivo sotto ogni aspetto”. 

Per quanto riguarda il modulo tattico che Bucchi intende adottare l’impressione ricavata è che si possa andare da un 4 – 4 – 2 ad un 4 – 3 – 1 – 2 a seconda della squadra che si andrà ad incontrare. 

Nelle prossimo due settimane Bucchi si dedicherà soprattutto a visionare le partite che l’Ascoli ha giocato nel corso del campionato appena conclusosi. Senza, però, tralasciare l’andamento del calciomercato in simbiosi con il direttore sportivo Valentini. Il rinforzo principale resta ingaggiare una punta di categoria che possa garantire almeno dieci goal tenendo in evidenza il fatto che Dionisi è giunto alla soglia dei 35 anni per cui non potrà garantire un rendimento costante. Lo stesso Tsadjuot, supposto che venga ripreso dal Milan, ottimo per l’impegno che profonde ma ha poca dimestichezza con il goal. Quindi avanti con la ricerca di un bomber che dia ampie garanzie. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Next Story

L’Italia umilia l’Irlanda con un perentorio 4-1

Ultime da