Lo strano mercato dell’Ascoli, tratta giocatori che altri stanno per prendere

2 minuti di lettura

C’è una frase entrata nel linguaggio quotidiano e che recita: “Chi dorme non piglia pesci”. Ecco, la trattativa fra Ascoli e Lazio per riavere Maistro sembra essere giunta al capolinea. Infatti, Venturato, allenatore della Spal, ha chiesto espressamente al direttore sportivo del club emiliano Lupo di prendergli il centrocampista laziale contrattualizzato fino a giugno 2024 con la Lazio. Maistro, originario di Porte Tolle, in provincia di Rovigo, è cresciuto nel settore giovanile spallino dove è stato notato da un emissario laziale che poi lo ha portato  nella società del presidente Lotito. Sembrava cosa fatta ma ora l’inserimento del direttore sportivo Lupo ha complicato maledettamente le cose per cui l’ottimismo iniziale è scemato di molto anche perché conoscendo Lupo quando si muove difficilmente sbaglia il bersaglio.

Bisognava muoversi per tempo in modo da portare a termine la trattativa anche perché Maistro aveva manifestato il suo gradimento a restare ad Ascoli per un altro anno.

Sia ben chiaro che non tutto è ancora perduto in quanto molto dipenderà dall’ammontare dell’ingaggio e dalle durata del contratto che Ascoli e Spal prospetteranno al centrocampista. Certo è che il quadro generale dovrebbe svantaggiare la trattativa bianconera ma tutto può ancora accadere.

Ilias Koutsoupias

Ci sarebbe da aggiungere che con ogni probabilità anche Saric non vestirà più la maglia dell’Ascoli, conteso come è da due società di serie A, Udinese e Sampdoria. 

Questo significa che continuare a sfogliare la margherita non è più il caso. Valentini dovrà darsi da fare con colpi mirati che non facciano rimpiangere i partenti o i mancati ritorno. Primi obiettivi Bellusci e Tsadjout prima che qualcun altro c e li soffi sotto al naso.

Nel frattempo si sta monitorando il centrocampista greco Ilias Koutsoupias, 21 anni, di proprietà dell’Entella Chiavari ma che nella scorsa stagione ha militato in prestito alla Ternana, e l’attaccante Cedric Gondo della Cremonese. 

Cedric Gondo

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Ascoli, tutti i dettagli della nuova edizione de “La Milanesiana”

Next Story

La lenta, inesorabile crisi di ragionieri e geometri

Ultime da