Roberto Cataldi

Elezioni, i piceni Cataldi e Fede in pole position nelle liste del Movimento 5 Stelle

3 minuti di lettura

“100% Docg Marche” e “Paracadutati Free”. Il senatore sambenedettese e coordinatore territoriale Marche del M5S, Giorgio Fede, non nasconde la soddisfazione per l’esito delle parlamentarie del partito di Giuseppe Conte. Il più votato (671 voti) è stato il deputato ascolano uscente Roberto Cataldi, mentre lo stesso Fede è stato il primo dei votati (588) per la lista della Camera. Entrambi saranno al vertice delle liste proporzionali per Montecitorio e Palazzo Madama invertendo così le posizioni rispetto a questa legislatura.

Giorgio Fede

Fede approfitta per togliersi dalle scarpe sassolini pesanti come macigni nei confronti degli altri partiti.

“Restiamo l’unico partito ad agire con la trasparenza e la partecipazione della propria base e questo mi rende orgoglioso, ancor di più nel confronto con tutti gli altri -dice Fede- È dal 2013 che gli iscritti del PD non votano più per selezionare i propri rappresentanti. La destra addirittura non lo ha mai fatto.
Noi no, siamo diversi e non è un caso che ci definiamo ” il campo giusto”. La lista del Movimento 5 stelle è l’unica che ha definito i propri ruoli coinvolgendo i propri iscritti ed anche io che sono Coordinatore Territoriale Marche ( quello che altri definiscono il segretario di partito ) non avrei mai potuto selezionare i candidati se non dando voce ad ogni singolo iscritto. Lasciamo anche in questo caso le solite vecchie pratiche agli altri e lancio uno spunto di riflessione agli elettori marchigiani e d’Italia.

Roberto Cataldi

E allora spiegatemi o fatevi spiegare come potranno essere ben rappresentate le Marche ( o altre Regioni) da candidati che sono di prassi “paracadutati” da fuori regione. È vero -conclude Fede- anche noi abbiamo definito una squadra minima di parlamentari che avessero priorità, ma il nostro Presidente Giuseppe Conte lo ha proposto, anche con alte personalità del mondo civile, ed a quella domanda il 90% della nostra comunità ha detto di SI.
La lista per le Marche del M5S è D.O.C.G. al 100% con candidati delle Marche, unica nello scenario politico regionale ( e nazionale) ed è una lista certificata “Paracadutati Free”. Mentre chi voterà a sinistra ed al PD si troverà ad eleggere il segretario regionale Marche del PD ( ma Pugliese) ed a destra probabilmente il segretario regionale per le Marche di Forza Italia – ma Laziale”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Ascoli: vacanze pagate ma la prenotazione non c’è, indaga la Guardia di Finanza

Next Story

JazzAp, entra nel vivo l’interessante festival musicale itinerante

Ultime da