Ascoli, torna Controvento Festival, nove giorni di eventi tra San Marco, San Giacomo e il centro cittadino

5 minuti di lettura

Tutto pronto per Controvento – Festival dell’Aria, in programma da sabato 27 agosto a domenica 4 settembre 2022. L’evento si svolgerà nelle diverse sedi marchigiane dislocate tra Colle San Marco, il Pianoro di San Giacomo e il monumentale centro storico di Ascoli Piceno, all’interno della Pinacoteca Civica.
Promosso dalla Regione Marche, dal Comune di Ascoli Piceno, da BIM Tronto, Fondazione
Carisap e Camera di Commercio di Ascoli Piceno, il Festival è organizzato dall’associazione
culturale Mad Events e presenta un ricco programma a cura dei due direttori artistici Carlo
Bachetti Doria e Davide Rondoni, realizzato in partnership con il Consorzio turistico dei Monti
Gemelli e i Musei Civici di Ascoli Piceno, e con la sponsorizzazione tecnica di Sara Servizi,
Associazione Culturalmente Insieme, Associazione Spazi Musicali e Hotel Miravalle.


Anche quest’anno in nove giornate consecutive di festival saranno tanti, circa trenta, gli eventi
proposti, rivolti a un pubblico amplissimo di adulti, giovani, bambini e incentrati su vari ambiti
disciplinari, che vanno dall’arte alla natura, dallo sport al teatro, dalla musica ai laboratori
didattico ludici per grandi e piccini.

Ad aprire la seconda edizione del Festival, l’inaugurazione della mostra dell’opera capolavoro del pittore belga, Renè Magritte, dal titolo “L’amour” che sarà allestita all’interno della Pinacoteca Civica fino al 25 Settembre.


In un territorio ricco di storia, cultura e natura andranno così in scena esibizioni e gare di aquiloni,
voli in mongolfiera, escursioni, passeggiate botaniche, laboratori, spettacoli, concerti,
esposizioni d’arte, eventi gastronomici, dimostrazioni sportive, mercatini di prodotti tipici e
dibattiti, tra cui l’attesissimo incontro con Dario Vergassola, noto comico, cabarettista, cantautore,
umorista, scrittore e attore italiano.
A fare da legante tra le varie proposte culturali il concept del Festival, dedicato al tema dell’aria e
alla celebrazione della capacità di combattere contro le avversità, accettando le sfide di un
vento contrario come occasione di crescita e cambiamento.
“Controvento – racconta infatti Carlo Bachetti Doria, cocodirettore artistico del Festival e docente
universitario di Storia dell’arte contemporanea –
nasce con una forte impronta territoriale ed è cucito
su misura sulla storia e sul paesaggio di Ascoli Piceno, uno scrigno monumentale circondato da una
natura fortemente evocativa. Le location scelte saranno molto suggestive: dal
teatro naturale della Cava Giuliani che diventerà il palcoscenico di molte iniziative tra cui i cantautore
e chitarrista Paolo Benvegnù e il trombonista Lito Fontana, la zona collinare di San Marco fino alla
Pinacoteca Civica di Ascoli Piceno che, come lo scorso anno, ospiterà al suo interno un’importante
opera d’arte: “L’amour” di René Magritte, un olio su tela del 1949 proveniente da una collezione
privata, per la prima volta in mostra nel territorio marchigiano, fino al 25 settembre
“.
Ampio spazio sarà riservato anche al teatro e alla poesia, con concerti, spettacoli e reading dall’alto
impatto estetico ed emotivo.
Si tratta di un Festival particolare – spiega Davide Rondoni, poeta, scrittore e drammaturgo
italiano, da quest’anno direttore artistico –
poiché si svolge in una zona caratterizzata dalla figura
della Sibilla, una sorta di nume tutelare di questo territorio dominato dai Monti Sibillini. In questa
seconda edizione, per quel che riguarda gli eventi teatrali e poetici, ci riallacceremo dunque
idealmente a due ricorrenze in particolare: il centenario della nascita di Pasolini e il centenario della
pubblicazione di The Waste Land del poeta americano Thomas Stearns Eliot, nella cui epigrafe a
introduzione del componimento compare proprio la figura della Sibilla. Sia Pasolini, che prima di lui
Eliot, vedono nella scomparsa del sacro l’inizio della desolazione della terra, della omologazione e
della riduzione di tutto a consumo e a potere. Per questo il sacro deve continuare a vivere e a contare
nella vita sociale. Temi che riprenderemo ogni sera, prima degli spettacoli, attraverso letture live a
cura di poetesse contemporanee che focalizzeranno l’attenzione sul valore simbolico e sacrale della
Sibilla e in uno spettacolo di teatro acrobatico con la Compagnia dei Folli”.


Tutti gli spettacoli e gli eventi presenti nel programma sono gratuiti e aperti al pubblico fino ad
esaurimento posti, ma necessitano di preventiva prenotazione
.
Per aggiornamenti sul programma si consiglia sempre di verificare sulla pagina Fb e Instagram del
Festival.

PER INFO E CONTATTI:
Prenotazioni e info: 388 1085220
Facebook: @ | https://www.facebook.com/profile.php?id=100072054385178
Instagram: | https://www.instagram.com/controventofestiva

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Luce e oscurità nella fotografia di Samuele Ripani

Next Story

Fulvia Cipollari ci racconta la sua opera di disturbo del teatro canonico

Ultime da