marchestorie

Marchestorie, Castel Trosino: tappa ascolana della seconda edizione del Festival dei borghi

3 minuti di lettura

“L’acqua, la pietra e il fuoco – Racconti spettacolari di territori e comunità” è il tema di MarcheStorie, l’appuntamento che dal 9 all’11 settembre animerà Castel Trosino, frazione a due passi da Ascoli. Il festival giunto alla seconda edizione mira alla valorizzazione dell’antico borgo attraverso il recupero di leggende e racconti del territorio e la loro riproposizione sotto forma di eventi spettacolari.

L’acqua, la pietra e il fuoco diventano così per Castel Trosino metafora dei racconti spettacolari che questa tre giorni vuole proporre: la narrazione del mondo rurale, e in particolare l’antico rito del bucato e delle lavandaie, attraverso le tecniche del teatro di strada e del circo contemporaneo.

“Continua la valorizzazione del nostro territorio e delle frazioni attraverso appuntamenti di grande qualità come ‘MarcheStorie’. Sarà l’occasione per conoscere uno spaccato di storia e di tradizione, elementi fondamentali della nostra comunità” ha spiegato il sindaco di Ascoli, Marco Fioravanti.

Laboratori, spettacoli itineranti per bambini, caccia al tesoro: saranno tante le attività previste per i tre giorni del festival.

“Come Regione Marche vogliamo raccontare la nostra regione attraverso i suoi borghi e da questa volontà nasce MarcheStorie, dove racconti e tradizioni si fondono per far conoscere il territorio, le sue bellezze e le sue infinite peculiarità”ha ribadito l’assessore regionale alla cultura, Giorgia Latini.

Tra i protagonisti del festival ci sarà la Compagnia dei Folli, che attraverso diversi linguaggi artistici su tre livelli visivi racconterà la vita delle lavandaie.

“Da venerdì a domenica, ogni sera alle 21 la Compagnia dei Folli si esibirà in uno spettacolo da non perdere che si snoderà attraverso la narrazione del mondo rurale, con una particolare attenzione al rito del bucato e alla figura delle lavandaie” ha spiegato l‘assessore agli eventi, Monia Vallesi.

La dirigente del Settore beni e attività culturali della Regione, Daniela Tisi, ha concluso: “MarcheStorie è un festival che attraversa tutta la regione e va alla scoperta dei paesi, con i loro sapori, miti e storie popolari, per tenere viva la grande eredità della tradizione”.

Gli spettacoli in programma saranno tutti ad ingresso libero. Per partecipare, occorrerà prenotarsi sulla piattaforma https://www.casteltrosino.it/marchestorie/.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Maltignano, la tragica notizia, è morto l’ex sindaco Domenico Talamonti

Next Story

Che meraviglia… Meraviglia! Ci risiamo con gli arbitri?

Ultime da