Grazie a “Puliamo il mondo” la spiaggia del Castellano torna a brillare (Tutte le foto)

3 minuti di lettura
I ragazzi durante l’operazione di pulizia della spiaggia degli ascolani

Fazzoletti, mozziconi di sigaretta, ma anche ferraglia, thermos e addirittura degli pneumatici. Sono alcuni degli “oggetti” che i ragazzi delle classi 3°C del liceo Scientifico “Orsini” e 5°G del liceo artistico “Licini” hanno recuperato e smaltito durante l’iniziativa “Puliamo il Mondo” svoltasi nei giorni scorsi lungo le sponde del torrente Castellano nei pressi dell’ex Cartiera Papale. La spiaggia degli ascolani ridotta purtroppo ad una mezza discarica a causa dell’inciviltà di alcuni frequentatori. All’evento, organizzato dal circolo ascolano di Legambiente, hanno collaborato anche i volontari della Croce Rossa che ha aderito ufficialmente all’iniziativa. Al termine della mattinata gli studenti sono stati accompagnati in una visita guidata ai Musei della Cartiera Papale.

Come sottolineato dalla professoressa Diana Di Loreto, presidente del Circolo Legambiente Ascoli Piceno, nonché docente dell’Istituto “Orsini-Licini”, questa giornata “rappresenta un momento importante di partecipazione, formazione alla cittadinanza e di riflessione sul degrado che caratterizza ancora molte aree della nostra città, comprese le sponde del Castellano. ‘Puliamo il Mondo’ è infatti un’occasione per coinvolgere i cittadini e gli studenti in azioni concrete a favore dell’ambiente oltre che un modo per ribadire che la lotta alla plastica, ai rifiuti in genere e la tutela ambientale passano attraverso l’adozione di comportamenti sostenibili”.

Anche la Presidente della Croce Rossa, Cristiana Biancucci, ha voluto sottolineare l’importanza dell’iniziativa, affermando che “il nostro obiettivo è quello di promuovere e implementare la rigenerazione di siti urbani e periurbani sottratti alle comunità locali dal degrado e dall’abbandono di rifiuti oltre che costruire ‘Territori di Pace’, dove la giustizia ambientale coincida con la giustizia sociale”.

L’iniziativa “Puliamo il Mondo” è inserita all’interno del progetto denominato “Facciamo la differenza”, progetto che si propone di portare nelle scuole la tematica della plastica, delle microplastiche e dei rifiuti, al fine di insegnare agli alunni come svolgere correttamente la raccolta differenziata.

Gli stessi studenti intervistati al termine dell’iniziativa hanno sottolineato come il luogo teatro dell’iniziativa, immerso nella natura e a pochi metri dalla città, nonostante sia molto frequentato durante tutto l’anno da cittadini di ogni età, sia vittima della mancanza di senso civico comune. Hanno trovato, come detto, rifiuti di ogni tipo: fazzoletti, mozziconi di sigaretta, bottiglie e lattine di birra, ma anche pneumatici, thermos per il cibo e ferraglia di ogni genere. Questo progetto, hanno poi proseguito gli studenti, permette loro, da un lato di toccare con mano l’inciviltà delle persone che rovinano un luogo pubblico e, dall’altro, li sensibilizza all’impegno quotidiano per migliorare i luoghi del loro futuro.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Il gesto di Bucchi e il buon senso degli ultras

Next Story

Economia: Fendi e il fondo Patrizia fanno shopping nel Piceno

Ultime da