Tullio Pericoli e la scrittura

Il pittore e disegnatore di fama internazionale Tullio Pericoli: "Da qualche anno conduce su se stesso, nel suo studio, una serie di curiosi esperimenti, di cui poi racconta i risultati in forma di libro"

3 minuti di lettura

Tullio Pericoli, oltre a dipingere, continua a scrivere. Per Adelphi ha pubblicato:

“I ritratti” (2002), “Otto scrittori” (2003), “La casa ideale di Robert Louis Stevenson” (2004; nuova versione 2017), “Robinson Crusoe di Daniel Defoe” (20079, “Attraverso l’albero” (2012); “I paesaggi” (2013); “Pensieri della mano” (2014); “Piccolo teatro” (2016), “Incroci” è uscito nella primavera 2019 e presentato con successo al Salone del Libro di Torino; l’anno in cui la Regione Marche era ospite d’onore con uno spazio espositivo, dedicato a Giacomo Leopardi, interamente “connotato” dalle opere di Tullio Pericoli.

Ora è appena uscito “Arte a parte”, sempre per Adelphi, di cui riportiamo il risvolto di copertina e alcune righe del testo:

“Da qualche anno Tullio Pericoli conduce su se stesso, nel suo studio, una serie di curiosi esperimenti, di cui poi racconta i risultati in forma di libro. L’ultimo – questo – è per certi versi il più audace. Si trattava infatti di mettere alla prova gli occhi della fronte (come li chiama Pericoli) e gli occhi della mente, chiedendo ai primi di controllare tutto quello che la mano al lavoro faceva, e intanto ai secondi di addentrarsi nei «corridoi bui del cervello», riportando tutto quello che di inusuale gli accadesse di notare. I risultati della ricerca sono tanti quante sono le pagine di questo libro. In alcuni i lettori riconosceranno l’autore, ma altri hanno sorpreso lui per primo, spingendolo ad esempio a modi nuovi di vedere la pittura. Modi che Pericoli tenta di mettere definitivamente a fuoco anche per la via che gli è più naturale – ridisegnando cioè a matita le opere di alcuni suoi spiriti guida, da Morandi a Saenredam, alla ricerca dei loro segreti”.

Quando qualche volta, come adesso, mi succede di scrivere, lo faccio a mano. Con la stessa mano che migliaia di volte ho guardato disegnare. La guardo mentre scrive e mi viene da chiedermi quali sono le differenze e le somiglianze nei movimenti e nelle sensazioni tra i due lavori. Forse nella scrittura il contenuto non è privo di importanza. Ma anche nella pittura, forse. Chissà. Mi chiedo anche se la mia mano si sarà mai fatta queste domande.

Tullio Pericoli

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

“Sono un uomo di pennello e non di parole”: il mio ritratto di Dante Fazzini

Next Story

Trasporti, la Start ha il bilancio in attivo, ma i bus sono vecchi

Ultime da