Finali di Londra, la pillola di Maurizio Capponi

1 minuto di lettura

In un cruciverba la risposta a “Finali di Londra” sarebbe stata “ra”. La risposta giusta invece è: “L’Italia di Mancini e Berrettini”. Due cognomi che sembrano diminutivi ma in realtà sono enormi. Da un lato un allenatore (di Jesi, patria non solo del fioretto) che si scontra con un’intera nazione appena uscita dall’Europa e che però vuole vincere (magari con qualche aiutino) proprio i campionati europei. E poi un tennista low profile che ai proclami preferisce i risultati. Due belle sfide che vinte o perse hanno già raggiunto l’obiettivo di tornare a farci sognare. L’importante è che qualcuno non faccia gli auguri o si metta delle felpe con i nomi di Mancini e Berrettini.

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Quintana, un corteo fra tradizione e innovazione nell’anno della pandemia

Next Story

Quintana, trionfa il migliore

Ultime da

Le notti bianche Detto così si potrebbe pensare al racconto di Dostoevski, ma trattandosi di un