Fondazione Carisap: due candidature per la presidenza, ma può esserci la riconferma

2 minuti di lettura

Siamo ormai sulla dirittura di arrivo di uno degli avvenimenti più attesi: nel mese di aprile la Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno eleggerà il presidente e il Consiglio di amministrazione. Al momento sono in due ad aver fatto un passo avanti, formalizzando la propria candidatura alla poltrona massima (ci sarà tempo fino a giovedì 17 marzo): l’imprenditore Mario Tassi e il commercialista Maurizio Frascarelli. Molto dipenderà dalla possibilità di candidarsi che potrebbe avere il presidente uscente Angelo Davide Galeati. L’attuale regolamento, che prevede il tetto di due mandati consecutivi (Galeati ne ha effettuato uno nel Cda e uno da presidente), lo impedirebbe, ma a Roma in sede ministeriale (Mef) e al tavolo Acri (l’Associazione di categoria delle Fondazioni bancarie) da diversi mesi si ipotizza di modificare la normativa per consentire più mandati, per cui tutto è in discussione. Se Galeati potrà ricandidarsi non avrebbe ostacoli davanti, dal momento che sia Tassi sia Frascarelli farebbero un passo indietro, appoggiando il presidente uscente. Va detto che Galeati nel suo quadriennio al timone della Fondazione Carisap ha ottenuto ottimi risultati, operando nel segno della massima condivisione con il territorio, le amministrazioni locali e il mondo dell’impresa in un momento non facile segnato dall’emergenza covid.

Per quanto concerne il Cda (6 posti disponibili, tra cui il vice presidente) sono state presentate nove candidature: Francesco Albertini (Ascoli Piceno), Nazzareno Cappelli (Ascoli Piceno), Antonio Dionisi (Comunanza), Giorgio Giantomassi (Ascoli Piceno), Maria Liberati (Grottammare), Domenico Malavolta (San Benedetto del Tronto), Fabio Paci (Servigliano), Donatella Rossi Brunori (Montefortino), Daniele Tagliabue (San Benedetto del Tronto).

Come prevede lo statuto della Fondazione e la normativa, il corpo elettorale sarà costituito dall’Organo di indirizzo della Fondazione cui è affidato il compito di eleggere il presidente, il nuovo Cda e il collegio dei revisori dei conti.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Forza Ascoli, ora o mai più

Next Story

Capitale della Cultura: Repubblica tifa per A&P24

Ultime da