piceno arrivo carletti

Il luminare della neurochirurgia mantiene la promessa e sbarca nel Piceno

4 minuti di lettura

Ogni promessa, si sa, è debito. Anche quando c’è di mezzo un luminare della neurochirurgia con oltre diecimila interventi alle spalle. Parliamo del professore Sandro Carletti che dal mese di aprile inizierà a visitare anche nel Piceno, precisamente al centro “Pianeta Salute” di Folignano del dottor Pasquale Allevi, già sindaco e assessore provinciale.

Ma dietro al suo arrivo, che permetterà a tanti ascolani di evitare tanti “viaggi della speranza” anche soltanto per una visita, c’è un lavoro di squadra che ha visto protagonista anche il mondo quintanaro.

Il professor Carletti -racconta il giornalista ascolano e caporedattore del Corriere di Siena, Giuseppe Silvestri- mi ha operato per un delicato intervento alla testa e appena sveglio, dopo sette ore sotto ai ferri, come prima cosa gli chiesi di venire a visitare anche in città“.

E’ nato così il progetto che ha coinvolto anche Attilio Lattanzi, capo sestiere di Porta Solestà, di cui Silvestri è da sempre sostenitore, e il centro di Allevi. “Stiamo riorganizzando la presenza di qualificati professionisti nella nostra struttura -dice Allevi- e la presenza del professore Carletti ci permette di mettere un ponte importante nel campo della neurochirurgia“.

Da parte sua anche il luminare umbro non è nuovo alle sfide. A 56 anni ha abbandonato il posto da capo dipartimento del nosocomio di Terni per andare a Firenze e fondare da zero la neurochirurgia all’Ifca, casa dei cura Ulivella e Glicini dove è possibile operarsi senza costi in convenzione con il sistema sanitario nazionale.

Sono contento -dichiara il professor Carletti- di arrivare in un centro di eccellenza. Non conoscevo Ascoli, ma sono legato alle Marche. Molte volte non è necessario intervenire chirurgicamente, ma operare in sinergia con altri professionisti per risolvere determinate problematiche. Nel centro di Firenze interveniamo in modo poco invasivo con degenze di pochi giorni. Di recente inoltre grazie all’acquisto di nuovi strumenti è stato possibile ridurre i tempi di attesa per le visite“.

Grazie a un lavoro di squadra –aggiunge Attilio Lattanzi– è stato possibile rendere possibile la presenza di questo importante professionista in città permettendo alle persone di evitare lunghi viaggi“.

Il professor Sandro Carletti con Pasquale Allevi

La nuova collaborazione è stata salutata con favore anche dal medico ascolano Mario Mauro Mariani, che già conosceva Carletti, e che è stato protagonista anche di una maratone “pre-palio” a Siena. “Sottolineo il suo coraggio di lasciare un posto di vertice per la libera professione –afferma il noto medico e mangiologo – Per noi è come un ‘pacco Amazon’ che arriva qui per curarci“. Anche il sindaco Marco Fioravanti sottolinea la bontà dell’iniziativa.

Un’occasione importante per i nostri cittadini -afferma il sindaco – che possono avvalersi, direttamente nella loro Ascoli, di un professionista di assoluto valore, notevole esperienza e infinita umanità. Fondamentale è stato Pasquale Allevi, direttore del centro Pianeta Salute Srl, che ha messo a disposizione del professore la struttura. Un progetto importante per il bene primario di ognuno: la salute. Progetto che si realizza per l’impegno di Attilio Lattanzi che ha dato gambe, forza e concretezza all’idea di Giuseppe Silvestri. Buon lavoro a Sandro Carletti, già rimasto incantato dalla nostra splendida Piazza del Popolo”. Silvestri è pronto anche a quella che definisce la ‘seconda tornata’: “perché non offrire convenzioni agli iscritti ai sestieri? -si chiede- A Siena le contrade sono dei veri e propri punti di riferimento a cui i cittadini si rivolgono anche per le loro esigenze“.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

L’Ascoli in lutto, morto Alberto Liberati

Next Story

Paura per gli operatori della Xentek in Ucraina: il racconto dell’ascolano Simone Traini appena rientrato in Italia

Ultime da