whirpool

Whirpool di Comunanza, Acquaroli: “Difenderemo il nostro territorio “

2 minuti di lettura

Dopo l’annuncio della vendita dell’asset europeo dell’azienda statunitense Whirpool, il Presidente della Regione Francesco Acquaroli ha voluto dire la sua, intervenendo durante l’incontro di Comunanza convocato per immaginare le misure da attuare per scongiurare la chiusura:

La Regione sarà una sentinella attenta che vigilerà sui movimenti e le percezioni che si hanno sul territorio e rispetto agli intendimenti di Whirlpool“. Ringraziando il sindaco Alvaro Cesaroni, e tutti i presenti, autorità, rappresentanti dei lavoratori, sindacati, imprenditori e cittadini, il presidente ha assicurato la massima attenzione di tutte le istituzioni e delle parti sociali richiamando ad una solida alleanza per raggiungere il risultato di vigilare sul “cuore pulsante di un territorio, dalla funzione imprescindibile per trainare l’economia e conservare competitività.

Sentinelle attente, significa osservare con attenzione tutto quello che sta accadendo, soffermandosi ad ogni elemento significativo e comprendere quelle che possono essere le ripercussioni“. Tanta preoccupazione è stata recepita dal presidente nel corso della visita allo stabilimento che ha preceduto l’incontro pubblico:

Di fronte ad una fase a livello globale  molto complessa per le aziende, garantiamo la più ampia disponibilità a farci parte attiva e fortemente interessata, vogliamo difendere il nostro territorio, le maestranze, l’indotto e l’occupazione, la competitività di una regione che negli anni si è ritagliata spazi di eccellenze che hanno portato i nostri prodotti ad essere patrimonio di tutti”. Nel pieno rispetto dei ruoli, ha concluso “siamo a disposizione e garantiamo disponibilità ad essere parte attiva e promotrice di azioni opportune nei confronti del Ministero e in ogni sede necessaria”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

FəmFest, a Monte Urano il primo festival transfemminista intersezionale delle Marche

Next Story

Siccità, ondate di calore e adattamento delle nostre città: che fare?

Ultime da