Intanto facciamo cassa, poi San Valentini pensaci tu!

5 minuti di lettura

Dopo aver disputato un ottimo campionato, che con un pizzico di maggiore fortuna avrebbe potuto avere un epilogo ben differente, la logica delle cose consiglierebbe, di rinforzare l’organico per tentare il tanto agognato salto di categoria. Invece, per ora, stiamo perdendo i pezzi che avevano fatto la fortuna della squadra lo scorso anno. 

Nulla da fare per Maistro che la Lazio ha venduto alla Spal, con l’Ascoli che se l’ è visto soffiare sotto il naso; poi è stata la volta di D’Orazio ceduto al Sud Tirol, quindi Saric che è  salito in serie A con la Sampdoria.  Adesso dicono che se ne andrà  anche Baschirotto, pure lui in serie A con il Lecce che in cambio ha proposto il prestito del difensore croato Simic, 25 anni, con l’aggiunta di un adeguato conguaglio (domanda: ma se Simic è bravo perché se ne disfanno?), che, però, non sarà lui il sostituto di Baschirotto, bensì il terzino destro Donati in prestito dall’Empoli, che nella scorsa stagione ha militato nelle file della Juve Stabia.  

Anche Collocolo sembra sia appetito da una paio di squadre, ma per ora non dovrebbe lasciare l’Ascoli a meno che le società che si sono fatte avanti non offrano un bel gruzzoletto..

Capitolo entrate. Sono arrivati due giovani, un terzino ed un  attaccante (Giordano e Lungoyi), preceduti da discrete credenziali e due scommesse (Simic e Donati), tutti da valutare sul campo, nella speranza che possano sorprenderci favorevolmente. 

Unico acquisto d’esperienza il fantasista Amato Ciciretti che ben conosciamo, avendo militato due anni or sono per sei mesi nelle file bianconere. Sul suo conto si può dare un solo giudizio: croce e delizia per la tifoseria. Se trova la giornata giusta diventa incontenibile, altrimenti ti manda all’inferno. 

Festeggeremo ancora?

Al momento restano in piedi due trattative riguardanti Peppe Bellusci e Frank Tsadjout.

Per il difensore bisognerà attendere che risolva il contratto che lo lega fino a giugno 2023 al Monza. Il difensore non si oppone al ritorno nelle file bianconere dove vorrebbe poi chiudere la sua carriera calcistica. Ma l’ostacolo da superare sarà la… liquidazione. Il contratto che lo lega al club brianzolo fino a giugno 2023 può essere rescisso seduta stante ma tutto dipende da quanto è disposto Galliani ad offrire al giocatore. Ma c’è dell’altro. Una volta liberatosi Bellusci dovrà poi aprire la trattativa d’ingaggio con l’Ascoli che di sicuro non potrà garantirgli i soldi che prendeva a Monza. Insomma ci si trova al cospetto di una situazione piuttosto complessa.

Capitolo Tsadjout. Sembrava fatta quando è spuntata la richiesta della Cremonese che ha mandato all’aria tutto. Il giocatore congolese è ora ostaggio della decisione che dovrà prendere. Tornare a giocare in serie “B” o tentare l’avventura della serie “A”? Si attende risposta.

Così come stanno le cose e guardando le squadre ai nastri di partenza, dovremmo prendere coscienza che quest’anno ci sarà da lottare per rimanere in B e sperare nei miracoli di Valentini. Pensare di ripetere la stagione passata mi sembra illusorio ma… la speranza è sempre l’ultima a morire. Ricordo ancora l’Ascoli dei miracoli di Renna e Sensibile, nessuno all’inizio gli dava un soldo bucato e alla fine andò come tutti sappiamo.

In fondo prima di cominciare tutti sembrano voler fare sfraceli, poi una volta sul campo molti si afflosciano, alcuni dei favoriti stentano ad ingranare la marcia e i dati per spacciati finiscono per sorprendere tutti, pubblico ed esperti. Ma questa è la B signori, un campionato strano e difficile. Per questo bello. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Italia Viva, “mancano progetti infrastrutturali per il Piceno”

Next Story

Ultime da

Le notti bianche Detto così si potrebbe pensare al racconto di Dostoevski, ma trattandosi di un